A- A+
Sport
galliani modificato 20

GALLIANI "BALOTELLI? MEGLIO I GOL DEI CARTELLINI" - "Meglio i gol che i cartellini". Adriano Galliani preferisce pensare ai nove gol del suo nuovo bomber dal suo arrivo a Milano sulla sponda rossonera, piuttosto che preoccuparsi per le sei ammonizioni ricevute. "Il morale e' buono. Balotelli ti fa sempre ritrovare il buon umore - ha detto -. Balotelli e' a sei ammonizioni? Si' ma quanti goal ha fatto? Si e' tolto la maglia e non va bene, pero' se valuto il computo gol-maglie tolte, e' maggiore il numero dei gol".

"Detto questo - ha aggiunto Galliani - non va bene togliersi la maglia, lui lo sa e lo vedra' sulla sua ricca busta paga, quindi magari non se ne accorgera' neanche. Francamente pero', oggi penso piu' al gol che alla maglia". Infine rivela: "Lui vuol bene a questi colori - ha concluso -. Mi ha raccontato che era in giro per Brescia con la maglia rossonera nel '99 quando vincemmo lo scudetto con Zaccheroni".

Se il Milan e' riuscito a vincere contro il Torino, gran parte del merito va anche al portiere rossonero Christian Abbiati, cui l'ad Galliani ha promesso il rinnovo del contratto. "Non ha bisogno di rinnovo, ha gia' rinnovato - ha spiegato il dirigente rossonero -. C'e' solo bisogno di mettere una firma. Ma lui lo sa. Abbiati e' secondo me uno dei giocatori piu' sottovalutati d'Italia. E' un campionissimo, ha sempre fatto bene, e' un grande portiere e sara' sicuramente portiere del Milan anche in futuro".

"Il Toro non meritava mai di perdere. L'ho visto giocare anche a Firenze e non meritava di perdere. E' sfortunato, lo e' stato con la Juve, con noi, ma anche prima. Veramente il Toro merita molto di piu' della classifica che ha". "Il Toro non meritava mai di perdere. L'ho visto giocare anche a Firenze e non meritava di perdere. E' sfortunato, lo e' stato con la Juve, con noi, ma anche prima. Veramente il Toro merita molto di piu' della classifica che ha". Sulla corsa Champions. "Per noi sono tre punti importanti - ha aggiunto Galliani -. Abbiamo preso la palla del trenta, adesso il match ball lo abbiamo a Pescara. Sono convinto che se vinciamo a Pescara ce la facciamo. Il Pescara pero' e' una squadra determinatissima, la partita sara' difficile. Milan-Roma sara' importante, ma sono convinto che se vinciamo a Pescara abbiamo moltissime probabilita'. Non ci sara' la matematica, ma se hai 4 punti di vantaggio a due giornate dalla fine e' una buona cosa".

BALOTELLI, FARO' DI TUTTO PER FAR RIMANERE ALLEGRI - "Con Allegri mi sono trovato da Dio e se dovessero arrivare voci su una sua partenza farei di tutto per farlo rimanere". Cosi' Mario Balotelli a "Serie A Live" in onda su Premium Calcio. "Con Pazzini - aggiunge l'attaccante del Milan, decisivo nel match contro il Torino - mi trovo bene come con tutti, anche se abbiamo fatto un calcolo e ne e' uscito che quando giochiamo assieme o io o lui o entrambi facciamo gol. Pero' non lo abbiamo detto al mister".

balotelli pazzini niangLE PAGELLE DEL MILANDi Giordano Brega

ABBIATI VOTO 7,5 Salva due volte la pelle (e i sogni di Champions) al Milan con interventi miracolosi che frantumano le speranze di Barreto.
ABATE VOTO 6- Spinge a intermittenza e con alterna efficacia.
MEXES VOTO 6+ Determinante il suo assist di testa per il gol di Balotelli. Il francese è pericoloso quando si butta avanti come incursore aggiunto, ma non sempre lesto nei rientri quando il Toro parte in contropiede.
ZAPATA VOTO 5,5 Soffre le accelerazioni dell'attacco granata e talvolta viene lasciato un po' solo.
CONSTANT VOTO 6 Tantissime proiezioni in avanti: ad un certo punto lo schema pare quello di consegnare la palla e Kevin e sperare che salti l'uomo. Cosa che talvolta gli riesce pure benino. Le esecuzioni dei cross però a volte lasciano a desiderare.
FLAMINI VOTO 6- Discreta mobilità nel primo tempo, cala alla distanza e sembra un po' meno brillante rispetto alle ultime prove.
MUNTARI VOTO 5 Parte con la giusta determinazione in proiezione offensiva, quando si concede qualche buona conclusione dal limite. Non impeccabile come cerniera davanti alla difesa e in fase di impostazione.
NOCERINO VOTO 6 Abulico nel primo tempo, si scuote nella ripresa quando ci mette la grinta giusta.
BOATENG VOTO 4,5 Zero idee e tanta confusione. Esce tra i fischi.
BALOTELLI VOTO 6+ Cerca assist, idee e passaggi che non gli riescono quasi mai per 84 minuti. Sembra una giornata nera, ma poi arriva un gol che pesa tantissimo.
EL SHAARAWY VOTO 5 Non trova gli spunti giusti, quando ha la possibilità di fare la differenza la giocata è sempre lenta o sbagliata. Vorrebbe, ma... non gli riesce

PAZZINI VOTO 5,5 Prova a far legna in attacco, dando peso e punti di riferimento. Ma non trova il guizzo.
NIANG VOTO 6 Entra con lo spirito giusto e regala un po' di energia al Milan.

ALLEGRI "VITTORIA SOFFERTA MA IMPORTANTE" - "Abbiamo sofferto contro un ottimo Torino. Per noi questa e' una vittoria di un'importanza disumana, perche' vincendo oggi avremmo messo la Fiorentina a 4 punti". Lo ha detto il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri, commentando ai microfoni di "Stadio Sprint" su Raidue il successo nel finale sul Torino. "Abbiamo vinto una partita 'sporca', di quelle che servono per centrare gli obiettivi - aggiunge - nel finale segnamo piu' di tutti? Credo che il merito sia dei ragazzi, soprattutto di quelli che sono entrati: credo molto nei cambi, chi e' entrato e' molto importante. La squadra e' concentrata e sta raggiungendo un obiettivo che era insperato fino a pochi mesi fa. Siamo in lotta, abbiamo bisogno di sei punti e speriamo di farli".

Il mister livornese parla dei singoli: "Abbiati è stato decisivo, i suoi interventi sono stati importantissimi. Balotelli si è innervosito un po', sta migliorando e io sono contento. L'ammonizione l'ha presa perché si è tolto la maglia. Quando si è fuori è facile criticare, quando si gioca c'è tensione, credo che in una partita così importante per il terzo posto ci possano stare queste cose. Abbiamo trovato una squadra che ci ha creato molte difficoltà. Questa era la partita più difficile da vincere tecnicamente, perché ti mette in difficoltà. Ci sono varie attenuanti per le quali abbiamo fatto una partita tecnicamente al di sotto delle nostre possibilità ma la voglia dei ragazzi ha fatto sì che arrivasse il risultato. All'inizio della stagione c'è stato un momento che eravamo terz'ultimi, ora siamo al terzo posto. Giochiamo subito mercoledì ed è un bene perché è l'attesa che snerva, giocando subito non abbiamo il tempo di pensare".

MILAN-TORINO 1-0, IN RETE BALOTELLI - Ancora una vittoria presa per i capelli, ma che probabilmente vale la Champions: Mario Balotelli, quasi al termine di una partita giocata con poca lucidita', piazza la zampata vincente e regala al Milan un successo di misura sul Torino, trafitto per l'ennesima volta nei minuti finali. Ventura mastica amarissimo, le occasioni piu' pericolose del match le aveva create (e sprecate) di gran lunga la sua squadra, con Barreto fermato per due volte da Abbiati. E adesso la classifica si fa difficile. Il terzo posto del Milan invece e' consolidato: +4 sulla Fiorentina a 3 giornate dalla fine. Molto piu' che un'ipoteca. Senza Montolivo e Ambrosini, ma con El Shaarawy regolarmente al suo posto: Allegri piazza Muntari davanti alla difesa con Nocerino e Flamini ai lati, mentre l'ex Genoa completa il tridente con Boateng e Balotelli. Il Torino se la gioca a viso aperto, nonostante un modulo di gioco apparentemente coperto: Ventura sceglie infatti il 5-3-2 per contrastare le iniziative sulle fasce dei rossoneri e punta tutto sulla rapidita' di Cerci e Barreto, non a caso protagonisti di due grandi occasioni nei primi 20'. Se nel primo caso il sinistro di Cerci e' troppo lento, nel secondo e' clamoroso l'errore di Barreto, smarcato alla perfezione da un colpo di tacco dello stesso Cerci. Il Milan, forse "anestetizzato" dal ko di ieri sera della Fiorentina, mette in difficolta' Gillet con un paio di conclusioni di Muntari e Boateng, poi lo stesso ghanese, di testa, spreca malamente (26'). Balotelli fatica ad accendersi, cosi' come El Shaarawy, a secco dal 24 febbraio: il Milan colleziona angoli e ci prova da fuori, ma Gillet ha ancora la meglio su Boateng. Milan molle, anche se piu' volenteroso in avvio di ripresa. Il Torino invece non riesce a ripartire piu' con pericolosita'. E allora Allegri prova a dare la scossa, come contro il Catania, con l'ingresso di Pazzini (fuori El Shaarawy, ancora una volta deludente) che si piazza al fianco di Balotelli con Boateng alle spalle. Continuano a piovere tiri da fuori, domina pero' l'imprecisione. E l'occasionissima se la procura il Torino, con un contropiede da manuale: vola Cerci alle spalle di Constant, palla dentro per Barreto che trova un Abbiati ancora super e poi e' sfortunato nel rimpallo successivo. Si rivede Balotelli: destro immediato, Gillet in due tempi. Ventura ci crede: fuori Brighi (buono il rientro del centrocampist), dentro Santana. C'e' spazio nei 10' finali anche per Robinho (per Flamini): destro del brasiliano da posizione defilata dopo azione insistita di Balotelli, Gillet in angolo. Meggiorini e D'Ambrosio in campo, ma gli ultimi minuti sono letali per il Torino e sorridono ancora una volta al Milan: sul cross di Constant torre di Mexes, Balotelli a porta vuota non puo' sbagliare. E' il 39', in piena zona rossa per i granata, che restano a +4 sul terz'ultimo posto, occupato dal Palermo. Ancora una beffa per l'ottimo Torino di Ventura, mentre Allegri puo' sorridere: la Champions e' ormai a un passo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
allegribalotellichampionsgalliani
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.