A- A+
Sport
balotelli berlusconi

"Meglio essere una scimmia con tanti soldi che un c... della vostra curva". La frase postata (e poi cancellate) su un proflo Facebook con nome Mario e cognome Balotelli (e indirizzata agli interisti) getta scompiglio in rete e nel mondo del calcio. Ma era un fake. Lo fa sapere il club rossonero con un comunicato. "AC Milan comunica che Mario Balotelli non è titolare di alcun profilo personale sul social network Twitter e che quelli esistenti sono da considerarsi fake, cioè non ufficiali o falsi. Lo stesso Mario Balotelli sottolinea di avere regolarmente una sua pagina personale, gestita assieme a un suo sponsor, soltanto sul social network Facebook sul quale si limita a condividere alcune fotografie con familiari e amici senza effettuare commenti di nessun genere".

Intanto Silvio Berlusconi, incalzato dal conduttore della trasmissione ''Un giorno da pecora'' su Radio 2, fa discutere con una dichiarazione ovviamente scherzosa. Lui patron del Milan da 28 anni che esclama: ''Io con grandissima felicità dico forza Inter''. Il proprietario rossonero nei giorni scorsi aveva già fatto parlare per la famosa frase su Max Allegri ("El no capiss un casso"), chiarendo poi che era assolutamente una battuta, mentre Adriano Galliani confermava pubblicamente e nuovamente la fiducia del club al tecnico livornese fino al 2014 (ossia la piena scadenza del suo contratto). Senza dimenticare le parole su Balotelli (dal fatto che è invidioso della sua cresta ai voti elettorali che gli ha fatto perdere).

Berlusconi ha anche parlati di possibili capitali stranieri nel Milan: ''Mai dire mai - risponde durante il Forum dell'Ansa - perchè magari in futuro saremo costretti'' a farlo ove la situazione lo richiedesse. ''Ma se non ci dovesse essere questa costrizione siamo felici'' di continuare a fare del Milan una cosa ''di famiglia''.

''Il Milan per me è una questione di cuore - ha aggiunto - Mi ricordo ancora quando mio padre mi portava allo stadio e non pagavo il biglietto perché ero piccolo piccolo. Guardando il calcio, i campioni, i miei eroi, ho cominciato anche a capire la metafora della vita. Ripeto, per me il Milan è una questione di cuore, anche se nel corso di questi anni ci ho messo tanti tanti capitali, forse anche eccessivi. Ma questo mi ha permesso di far diventare il Milan la squadra più titolata del mondo e io il presidente ad avere vinto più trofei. Basti pensare che il secondo dietro di me, Santiago Bernabeu, ne ha vinti la metà e gli hanno anche intitolato uno stadio''.

Una squadra, il Milan, ''che fa parte della famiglia, tant'è che sta fuori del gruppo anche se adesso c'è mia figlia Barbara che ha cominciato a lavorarci e stiamo facendo la verifica dei conti come fosse una società del gruppo. Questo non significa comunque che siamo disponibili a far entrare nuove forze. Però, mai dire mai. Se la crisi dovesse continuare e magari ci dovesse essere qualche costrizione il discorso potrebbe cambiare. Ma per adesso siamo felici che il Milan sia un affare e un affetto di famiglia''.

 

Tags:
balotellitwitterberlusconiinter

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.