A- A+
Sport
Calcio femminile le italiane fanno sognare gli USA

di @GiuliaDiCamillo

 

Nei pressi di Seattle, quel team dal nome Fc Tacoma 253, fondato dal Gruppo OSA, ha da poco terminato il suo percorso nella stagione 2014-2015 di Women's Premier Soccer League. 
La Northwest Conference (fase iniziale del Campionato dove solo la prima della classe effettua il passaggio del turno), composta da 6 club di assoluto livello, ha visto le gialloblù arrivare seconde subito dopo l'Issaquah. Quest'ultimo meritatamente in testa alla classifica con 23 punti, ben 5 in più rispetto al "nostro" Tacoma. 
Federica Laddaga, Alia Guagni, Carmela Anaclerio, Deborah Salvatori Rinaldi, Francesca Durante, Francesca Vitale, Giorgia Casula e Margherita Corsico.
Queste le 8 italiane che con passione e determinazione, unite alle giocatrici di "casa", sono scese in campo per incantare e vincere dall'altra parte del mondo. Quel posto dove il calcio femminile conta. E vince anche i Mondiali facendo sognare milioni di persone. Tifosi a stelle e strisce e non. 
Il Tacoma non ha vinto. Nessun trofeo. Nessuna medaglia. Ma quanto ha sognato. Tantissimo. E soprattutto ha incantato tutti con un gioco pazzesco, dove l'unica pecca è stata la concretezza. Troppo importante nel calcio per essere trascurata. E anche se nelle ultime gare, la delusione ha vinto sulla soddisfazione, poco importa. Il calcio è bello perché, spesso, puoi riprovarci. E se non ci sarai tu, ci sarà qualcun'altro che giocherà e vincerà per te. Esulterà. E in quella vittoria non mancherai. Perché il vero successo si costruisce su tante antecedenti sconfitte. E chi ci mette il cuore, lascia sempre la propria impronta. Sconfitta solo all'apparenza.
Il Presidente Giuseppe Pezzano non è deluso.  Crede nel Gruppo OSA, sempre solido fin dalla nascita. Sorride. Punta sul suo Tacoma. Nell'evoluzione che anno dopo anno ha fatto e continua a fare.
In campo e fuori. Con i media. Con Giulia Di Camillo, calciatrice e giornalista, dal maggio scorso nuova communication manager per l'Italia. Ha scritto infiniti articoli. Ha raccontato le indimenticabili vittorie e le ancora un po' amare sconfitte. Ha portato gli italiani direttamente a Seattle. Tra sogno e realtà. Consapevole che forse un giorno anche lei correrà per quella maglia. Tanto amata dalle veterane Guagni, Anaclerio e Rinaldi. Tre gioielli preziosi ormai legati indissolubilmente agli USA. 
E mentre nell'Italia del calcio in rosa si scatena il calciomercato, le luci dello StarFire Sports Complex si spengono. Gli spogliatoi si svuotano e i cancelli si chiudono. Perché adesso è il momento della pausa. Il riposo del guerriero. Anzi, delle guerriere. 

 

Tags:
calciofemminile-usa-italia
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.