A- A+
Sport
Grande successo per la conferenza stampa della Lega Pro Boxe

Successo superiore alle aspettative per la conferenza stampa organizzata dalla Lega Pro Boxe presso il Coni di Milano: erano presenti 74 persone tra cui numerosi giornalisti e fotografi delle principali testate ed agenzie fotografiche come i quotidiani cartacei La Gazzetta dello Sport, il Giornale e Il Giorno. Sono intervenuti anche l’ex campione del mondo dei pesi massimi leggeri WBC Giacobbe Fragomeni, il campione italiano dei pesi welter Antonio Moscatiello, il campione d’Europa dei pesi superleggeri Michele Di Rocco, la campionessa d’Italia dei pesi leggeri Anita Torti, la pioniera del movimento pugilistico femminile Stefania Bianchini e l’ex campione nazionale dei pesi welter e superwelter Luca Messi.  Motivo di tanto interesse, la trasformazione da Lega Pro Boxe  degli organizzatori a Lega Pro Boxe di tutto il pugilato professionistico. Ne hanno parlato il presidente della LPB Carlo Nori, il presidente della Federazione Pugilistica Italiana Alberto Brasca e il segretario generale della FPI Alberto Tappa, rispondendo alle domande dei giornalisti e degli addetti ai lavori.

“Abbiamo illustrato i risultati ottenuti e gli obiettivi da raggiungere nei prossimi anni – ha spiegato Carlo Nori – e mi riferisco agli sponsor, alle reti televisive, alla situazione dei pugili, degli insegnanti e degli altri componenti del nostro settore. C’è chi ha detto che in Italia non abbiamo un campione in grado di trainare tutto il movimento come fece Alberto Tomba con lo sci dal 1988 al 1998. Gli ha risposto il promoter romano Davide Buccioni dicendo che i campioni li abbiamo – come Leonard Bundu che ha vinto il titolo europeo dei pesi welter e lo ha difeso sia in Italia che all’estero – ma che non sono seguiti adeguatamente dai media. Alle parole di Davide aggiungo che oggi la situazione è molto diversa rispetto a vent’anni fa quando esistevano solo 7 reti televisive nazionali e solo 5 trasmettevano la boxe (Ra1, Rai 2, Canale 5, Italia 1 e TeleMontecarlo). La boxe veniva trasmessa ad un orario decente (alle 22.30 o alle 23.00) e tutti gli appassionati confluivano sulla stessa rete che faceva grandi ascolti (anche 4 o 5 milioni di telespettatori). Di conseguenza, i giornali scrivevano della manifestazione ed intervistavano i campioni. Oggi, esistono decine di reti televisive nazionali, c’è stata l’esplosione della web tv, si possono guardare i vecchi incontri su You Tube e questo ha portato ad una netta flessione degli ascolti televisivi. Quindi, è comprensibile che i pugili siano meno famosi rispetto ai loro predecessori. Lavoreremo anche per colmare questa lacuna. Sono lieto che sia intervenuta tanta gente alla conferenza stampa e che abbiano fatto parecchie domande mostrando interesse per il presente ed il futuro del pugilato professionistico italiano.”

L’evoluzione della Lega Pro Boxe è stata seguita anche da Radio Milan Inter con il programma “Calcio d’inizio”: mercoledì 9 luglio il conduttore Beppe Vigani ha intervistato Carlo Nori, dalle 08.40 alle 08.50. Radio Milan Inter è una delle radio più ascoltate in Lombardia. “Calcio d’inizio” è trasmesso in contemporanea sulla rete televisiva TeleMilano City (canale 288 del digitale terrestre in Lombardia) e a livello nazionale sul sito pctelevision.it.

Inoltre, giovedì 10 luglio, il presidente Nori è stato intervistato in diretta dalle 20.44 alle 20.56 da Francesco Genetiempo, nel programma radiofonico “Manà Boxe” trasmesso nel Lazio da Radio Manà Manà Sport,  in tutta Italia dal sito radiomanasport.it.        

 

Tags:
lega pro boxe
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.