A- A+
Sport
malesani

MALESANI, CONTESTAZIONI? NO INVASIONE BARBARICA - "Non credo che ci sia stata grande contestazione, espresso malcontento. Non ho visto invasioni barbariche o niente. Mi sembra normale in situazioni del genere". Cosi' il nuovo tecnico del Palermo Alberto Malesani risponde nel corso della conferenza stampa alla domanda sul malcontento dei tifosi manifestato martedì al presidente Maurizio Zamparini. Sulla rosa a disposizione dice: "E' chiaro che quando ho deciso di venire a Palermo ho fatto anche analisi della rosa ed e' quello che mi ha portato a dire si' al presidente. Ci sono possibilita' per fare l'impresa. Chi conosco? Dossena l'ho fatto debuttare io. Argentini? Conosco Boselli, altri li sto conoscendo. Non e' questione di etnia, il discorso va generalizzato".

Una telefonata a Gasperini? "Non l'ho fatta, cosi' come in passato. Nemmeno altri hanno mai chiamato me. Solo una volta mi chiamo' Trapattoni. Mi chiese come era situazione a Firenze. Mi fece piacere". Conosco e stimo molto Gian Piero. Per me grande tecnico. Ci sono momenti in cui le cose in carriera non vanno bene. Io mi ero stancato di vincere per 10-12 anni. Poi momenti bui. Avra' modo di riproporsi. Il suo Genoa era divertimento. Calcio spaziale per tanti anni. Tornera' a fare parlare di se'".

ZAMPARINI, "ANNO DISGRAZIATO MA CI SALVEREMO. CI SONO RIMASTO MALE CHE REJA NON E' VENUTO A DARMI UNA MANO" E SU MARCELLO LIPPI... - "Non mi tiro indietro. E' un anno disgraziato, ma io sono un combattente e spero di uscirne. L'unica cosa che vorrei dire e' che bisogna saper perdere, e' facile quando si vince". Cosi' il presidente del Palermo Maurizio Zamparini, intervenuto a Radio Radio per analizzare il difficile momento del Palermo per poi parlare delle contestazioni: "Erano in cinquanta, Palermo non e' quella, da 10 anni sono a Palermo, non devo dimostrare niente, e' come se nella tua famiglia a un certo momenti sbagli e ti girano le spalle".

Marcello Lippi 3

"Ci sono rimasto male ma era solo un nucleo. Non so perche', non ho capito perche' condannano Zamparini ed esaltano una persona che era li' da 4 mesi e non aveva fatto bene. E' arrivato che eravamo terz'ultimi e adesso siamo ultimi. In questo momento comunque non ho nessuna voglia di mollare, vado avanti per la gente che mi ferma per strada o manda messaggi. Ho bisogno dei tifosi, mi scuso con gli abbonati, ma fino alla fine ci saranno le curve a cinque euro", dice Zamparini, sostenendo che gia' da tempo aveva pensato di cambiare guida tecnica. "Gasperini e' bravo ma recentemente ha avuto problemi anche personali, ha perso i genitori nel giro di pochi giorni e anche se anziani sono sempre papa' e mamma. Reja lo avevo sentito un mese fa perche' volevo cambiare gia' allora e ci sono rimasto male perche' da friulano come lui pensavo mi venisse a dare una mano. Forse i successi del Napoli gli hanno fatto male, cosi' come quando Foschi e' andato da Lippi a chiedergli se si sentiva di venire ad allenare e lui gli ha risposto 'come ti permetti?'. Perche' Malesani? Non c'erano in giro altre soluzioni migliori. Lo avevo gia' cercato ai tempi del Venezia, e' un uomo genuino, bada al sodo".

Zamparini ribadisce la sua insoddisfazione per il mercato condotto da Lo Monaco: "Mi hanno venduto Brienza, a cui io avevo chiesto anche di non accettare se lo avessero ceduto e ci sono rimasto male perche' non lo ha fatto. Budan mi faceva da equilibrio nello spogliatoio. Rios e' il capitano della nazionale uruguaiana ed e' stato sul mercato. Volevo Lafferty, era gia' fatta, poi e' successo qualcosa. Comunque abbiamo una squadra buona lo stesso e ci salveremo. Ora dobbiamo fare 9 punti, riparliamone dopo".

Tags:
malesanipalermo
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.