A- A+
Sport
Non spetta il titolo di "Maestro del Calcio" a chi, come Tabarez, ha difeso l'assurdo morso di Suarez.

E certo il titolo di "Maestro del Calcio" spetta, di diritto,  a personaggi, corretti e stimati per la loro sportività, dai loro giocatori e dagli avversari, come Nils Liedholm, Vujadin Boskov, Fulvio Bernardini, Sir Alex Ferguson.
Non può, invece, essere più definito "Maestro" l'allenatore dell'Uruguay. Tabarez, infatti, per giustificare l'assurdo morso del centravanti sudamericano ha dato la responsabilità del fattaccio al difensore dell'Italia, Giorgio Chiellini, definendolo "piagnucolone".


I tecnici sopra citati, mai, avrebbero minimizzato o difeso un atto violento, antisportivo, diseducativo, punito dai giudici. Fallaccio che, non sanzionato, in campo, dall'arbitro messicano Moreno, ha danneggiato Buffon e compagni, già penalizzati dall'espulsione, troppo severa, di Marchisio.

Pietro Mancini

Iscriviti alla newsletter
Tags:
suarez
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.