A- A+
Sport
Karin Oberhofer sfuma il bronzo nel biathlon: "Nulla da recriminare"

"Quest'anno, finora sempre stato sfortunato a causa di guasti alla carabina, di cadute e per ultimo dell'influenza che mi aveva costretto a saltare la tappa di Anterselva, si e' trasformato improvvisamente in una magnifica galoppata. Finalmente e' andato tutto liscio e il risultato finale conferma le mie qualita'". Nonostante un bronzo sfuggito per poco, Karin Oberhofer e' soddisfatta della sua prova nella pursuit ai Giochi Invernali di Sochi 2014. "Sono partita nel primo giro con una particolare concentrazione alla tecnica, cosi' al poligono sono arrivata rilassata ed in entrambe le occasioni non ho sbagliato - ha commentato la biathleta azzurra - Nell'ultimo giro gli allenatori mi hanno detto che ero in zona podio, cosi' ho chiuso gli occhi e tirato al massimo senza piu' praticamente respirare. Sono molto felice, non ho nulla da recriminare perche' ho dato veramente tutto quello che avevo in corpo. Adesso e' importante rimanere coi piedi per terra, mantenere l'umilta' e non caricarci di pressione".

Dorothea Wierer, sesta: "Sinceramente non pensavo di raggiungere un piazzamento del genere. Mi sentivo le gambe veramente pesanti, invece le cose sono andate meravigliosamente. Avevo degli sci velocissimi che mi hanno aiutato tantissimo. Siamo una bella squadra, continuiamo a rimanere tranquille come in questi giorni e speriamo di ripetere queste belle prestazioni". Patrick Favre, tecnico della squadra femminile, fa i complimenti alle ragazze: "Le nostre aspettative della vigilia non erano cosi' alte ma le ragazze hanno finalmente mostrato le qualita' che noi allenatori conosciamo. Il quarto posto un po' ci rammarica, pero' il risultato di squadra e' ottimo, nessuna altra nazione e' riuscito a mettere tre atlete con zero errori. Credo ci divertiremo nelle gare a squadre".

Tags:
oberhofermedaglia di legnobiathlon
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.