A- A+
Sport
Il trofeo del Roland Garros? Mai consegnato originale ai campioni. Tranne a Federer...
Roger Federer

Dopo quindici giorni di guerre sportive, i vincitori del Roland Garros possono ben dire di essersi meritati di sollevare il trofeo. Ma non possono tenerlo. Come le squadre vincitrici dei Mondiali di calcio, i giocatori di tennis non hanno il privilegio di mettere nella loro bacheca il trofeo. Al vincitore va una copia in argento sterling, tre volte più piccola dell'originale. Comunque un oggetto di pregio, la cui fabbricazione richiede centinaia di ore di lavoro nell'arco di tre mesi. Una confezione fatta dalla Maison Mellerio, anche ideatore del Pallone d'Oro.

Tuttavia, un'eccezione alla regola esiste. Nel 2009, Roger Federer ha insistito per mostra il trofeo a suo padre, che non aveva potuto partecipare alla finale. Nonostante le regole ferree al fuoriclasse di Basilea, venne concessa questa grazia eccezionale. Ma persino l'ex numero uno del mondo è stato ancora accompagnato da quattro guardie del corpo, due dei quali hanno trascorso la notte fuori dalla sua stanza. Il trofeo è stato poi restituito il giorno successivo.
Due anni più tardi, lo stesso Federer ha espresso il suo desiderio di avere una replica a grandezza naturale. "Ho combattuto tanti anni per vincere le Coupe des Mousquetaires, vorrei avere una replica identica. E non mi importa di quello che costa", disse King Roger.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
repliche roland garros
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore

i più visti
in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


casa, immobiliare
motori
Jeep, presenta le nuove Renegade e Compass e-Hybrid

Jeep, presenta le nuove Renegade e Compass e-Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.