A- A+
Sport
Schumi: si impicca il sospettato nel furto delle cartelle cliniche

Si è impiccato in cella il sospettato del furto delle cartelle cliniche di Michael Schumacher. Lo ha riferito la magistratura svizzera. L'uomo, di cui non è stata rivelata l'identità, era un dirigente della Rega, la società di soccorso aereo svizzero incaricata del trasferimento del pilota a Losanna, ricoverato a Grenoble dopo il drammatico incidente sugli sci.

Intanto il tedesco ha iniziato un lungo percorso riabilitativo in una clinica privata svizzera dopo gli oltre 6 mesi di coma passati nell’ospedale di Grenoble.

E' di queste ore anche la scelta della Mercedes, scuderia per cui Schumi ha corso tra il 2010 e il 2012, di onorare fino alla fine il contratto firmato con l'ex ferrarista come uomo-immagine del gruppo Mercedes-Benz.

“Siamo contenti dei continui miglioramenti di Michael e speriamo che possa proseguire su questa via – ha affermato Dieter Zetsche, CEO della Daimler -. Non abbiamo nessuna intenzione di modificare o di chiudere il contratto in essere”.

Tags:
schumacherschumiclinica ginevracartelle cliniche
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.