A- A+
Sport
mourinho spalletti

Mourinho vs Spalletti: è un testa a testa per la panchina del Chelsea. Dopo che Pep Guardiola ha declinato le avances da mille e una notte di Roman Abramovic (preferendo, come noto, ricominciare dal Bayern Monaco), è la panca blues a far discutere. Rafa Benitez pare sempre più destinato a chiudere la sua esperienza come semplice traghettatore (d'altronde i tifosi londinesi mai lo hanno amato, ben ricordando le sue guerre allo Special One condotte da Liverpool) e lo zar deve trovare un mister da cui ripartire. I tabloid non hanno dubbi: sarà il ritorno di Josè (ormai agli sgoccioli nella sua avventura madrilena) a infiammare lo Stamford Bridge. Dalla società però trapela un forte interesse per un tecnico che sia nuovo e non profumi di minestra riscaldata (seppur di lusso). Ossia proprio l'attuale allenatore dello Zenit San Pietroburgo. In più ci sarebbe anche un terzo incomodo. L'outsider per eccellenza: quel Jurgen Klopp protagonista del miracolo Borussia Dortmund in questi ultimi due anni e mezzo. Nome accostato anche alla Roma in queste settimane e ad altri club inglesi.

MOURINHO "NON VINCEREMO LIGA E NON ANDRO' AL PSG" - "E' impossibile pensare di poter vincere la Liga, la differenza di punti e' enorme". Jose' Mourinho non crede nelle possibilita' di rimonta del suo Real Madrid, distante 15 lunghezze dalla capolista Barcellona. In un'intervista all'emittente francese "RMC Sport", lo "special one" rompe il suo silenzio e parla del suo Real, ma anche del suo futuro e delle troppe polemiche che lo riguardano e che, secondo lui, vengono create ad arte. Si comincia dagli obiettivi stagionali del Real Madrid. "Questo e' un campionato diverso rispetto a quelli precedenti e dobbiamo concentrarci su altri obiettivi, come la Coppa del Re e la Champions League. Non dobbiamo vivere nulla come un'ossessione perche' altrimenti ci complichiamo la vita, dobbiamo lavorare con tranquillita' e cercare di mettere in campo il massimo del nostro potenziale". Quanto alle polemiche, Mourinho dice che "sono cose che non esistono. Ogni giorno vengono fuori polemiche che mi riguardano ma che non hanno motivo di nascere, io sono un allenatore, faccio il mio lavoro e poi valuto i risultati, aspettiamo la fine della stagione per fare un bilancio". In Inghilterra sono convinti che il prossimo anno Mourinho tornera' in Premier League, probabilmente di nuovo sulla panchina del Chelsea. In Francia, invece, nonostante le smentite si continua a parlare del Psg. "A Parigi c'e' gia' un grande allenatore come Ancelotti - spiega Mourinho - c'e' anche un direttore tecnico che e' un mio amico (Leonardo, ndr) e un presidente che conosco da molto tempo e che ha una grande passione per il calcio. I tifosi non mancano e a Parigi hanno tutto per ottenere i successi che cercano e che meritano. Sono sicuro che questo progetto funzionera', ma non con me, io non allenero' il Psg. Vinceranno con Ancelotti e Leonardo".

Tags:
spallettichelseamourinhoabramovic
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.