A- A+
Sport

I numeri dell'Inter sono davvero preoccupanti. Solo 6 punti nelle ultime 7 partite, una vittoria interna contro il Pescara di Bergodi che lotta per non retrocedere. In trasferta sono 3 mesi esatti che l'Inter non coglie una vittoria: l'ultima fu proprio allo Juventus Stadium quando si sognò lo scudetto. La difesa poi fa acqua: i gol subiti sono 10 gol nelle ultime 6 gare.

stramaccioni modificato 12

STRAMACCIONI, "IL MOMENTO PIU' DURO, DOBBIAMO REAGIRE" - "E' piu' difficile oggi che all'andata. All'andata non avevamo capito ancora le nostre potenzialita', in questi mesi invece le abbiamo viste, siamo stati anche ad un punto dalla prima e oggi e' quindi ancora piu' grave. Dobbiamo assolutamente ritrovarci". Andrea Stramaccioni ammette le grosse difficolta' che sta attraversando la sua Inter, battuta con un netto 3-1 dal Siena, capace di imporsi sui nerazzurri anche un girone fa a San Siro. "Siamo di fronte ad una tendenza molto negativa culminata in una brutta sconfitta di cui non voglio trovare alcun alibi, ma metterci la faccia e rifletterci", dice il tecnico. "Nonostante fossimo partiti bene, il Siena ha avuto piu' fame negli episodi decisivi - riconosce Stramaccioni -, sia nel primo che nel secondo gol ci siamo sempre fatti trovare impreparati e parlo sempre di responsabilita' collettive. Il Siena ha avuto piu' fame di noi, avevamo la convinzione di ribaltare il match nella ripresa, ma l'espulsione e il rigore hanno messo la partita su un binario diverso". Per Stramaccioni "e' un bruttissimo passo falso ma il campionato e' equilibratissimo, siamo ancora a tre punti anche se siamo nel momento piu' difficile non molliamo. Siamo sempre noi, e dentro di noi dobbiamo trovare la forza mentale e non solo per tornare quelli di una volta". Il tecnico nerazzurro sottolinea come l'Inter "nella giornata piu' difficile" sia "a tre punti dalla Champions, in semifinale di Coppa italia e ancora in Europa League".

SIENA-INTER 3-1,NERAZZURRI MANCANO AVVICINAMENTO 3^ POSTO - L'ennesima occasione gettata al vento. L'Inter fallisce ancora una volta l'avvicinamento al terzo posto e lo fa nel peggiore dei modi, cadendo senza attenuanti in casa del Siena - in uno stadio che invece per due volte negli ultimi anni ha regalato lo scudetto alla squadra di Moratti - ultimo in classifica ma capace di raccogliere tra andata e ritorno sei punti contro i nerazzurri. L'Inter trova la quinta sconfitta nelle ultime sei uscite in trasferta e stasera potrebbe essere raggiunta dal lanciatissimo Milan di una vecchia conoscenza: Mario Balotelli.

Schelotto, Kuzmanovic, Kovacic? No, il migliore (assieme a super Sestu) e' Innocent Emeghara, nuovo attaccante bianconero. La sua velocita' fa la differenza specie nel primo tempo, quando Schelotto viene stritolato dal duo Rubin-Sestu e Stramaccioni non cambia una virgola, quando sarebbe stato meglio passare con la difesa a 4 e irrobustire le fasce. Certo, vanno sottolineati i meriti di un Siena che rientra prepotentemente in lotta per la salvezza, ma l'Inter sembra aver imboccato una strada senza via d'uscita. Esordio dal 1' per i nuovi arrivati Schelotto e Kuzmanovic, solo panchina per Kovacic mentre Cambiasso e Milito non sono del match. Chivu recupera e si schiera tra Ranocchia e Juan Jesus, Guarin alle spalle di Palacio e Cassano. La nuova Inter deve fare i conti con un Siena e rinnovato e assetato di punti: e' dei toscani, dopo un mancato aggancio di Palacio su gran lancio di Kuzmanovic, il primo squillo: decisivo Juan Jesus in anticipo su Rosina dopo la bella iniziativa di Emeghara, unico punto di riferimento offensivo con Rosina e Sestu a supporto. Sara' decisivo. Al 15' Guarin, da fermo, calcia fortissimo dai 30 metri: Pegolo se la cava, poi e' determinante sulla splendida girata di Juan Jesus. La replica del Siena e' affidata a Rosina: sinistro dell'ex granata, bravo Handanovic a non farsi sorprendere.

Al 21', in contropiede, il Siena passa: bravo Rosina a lanciare Rubin, rapidissimo ad andare sul fondo e a trovare Emeghara, forse in lieve offside, pronto al tap-in vincente. Immediata la reazione dell'Inter: il cross di Cassano, servito da Kuzmanovic, sfila via senza che nessuno lo tocchi, beffato Pegolo e pareggio. Partita senza un attimo di sosta: il Siena torna avanti, il merito e' tutto di Sestu che indovina un gol straordinario con una parabola che si insacca all'incrocio dei pali. I nerazzurri soffrono da matti la velocita' degli avanti toscani: prima Handanovic anticipa Rosina, poi Emeghara calcia a lato dopo il liscio di Chivu. Non c'e' un attimo di sosta: bolide di Kuzmanovic deviato da Paci, Pegolo fuori causa ma non c'e' il 2-2. Protesta l'Inter al 33' per un'entrata di Belmonte su Cassano in area: per Doveri e' tutto regolare. Partita bellissima: Zanetti da una parte, ancora Sestu dall'altra. Regge il 2-1. Schelotto, travolto dal duo Rubin-Sestu, lascia il posto all'attesissimo Kovacic: ma la svolta arriva al 10', quando Sestu lancia Emeghara, steso in piena area da Chivu, e' rigore ed espulsione. E dal dischetto Rosina, a differenza che con il Torino, non sbaglia. Guarin prova a rianimare i suoi, trovando ancora un ottimo Pegolo. Succede di tutto nell'azione successiva: ancora Pegolo su Guarin, quindi Cassano al volo e traversa piena. Contropiede Siena: Handanovic c'e', poi Sestu cerca il clamoroso bis, non trovandolo per pochi centimetri. L'Inter tenta l'assalto finale ma manca la lucidita' e il Siena si difende con grande ordine, tentando sporadici contropiede, e rischiando solo al 38', quando Palacio sbaglia tutto sull'assist di Guarin. Finisce 3-1 per il Siena.

Tags:
stramaccioniintersienasestu

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.