A- A+
Sport
Tacco 12 e tacchetti, questo è il calcio femminile

di Giulia Di Camillo @giuliadicamillo 

Un mondo incantevole. Un mondo unico. Un mondo rosa che alterna i tacchetti al tacco 12. Stiamo parlando del calcio femminile. Si, il calcio femminile. Quel calcio giocato dalle donne. Quel calcio dove una strepitosa rovesciata non manca, figuriamoci un tackle. Anche tra le donne si parla di 4-4-2, 4-3-3 o 3-5-2. Anche tra le donne si parla di diagonali o di marcature. Anche tra le donne c'è il calciomercato. Anche tra le donne si alzano trofei e si ricevono medaglie da appendere al collo con orgoglio. L'ultima è proprio quella in bronzo, conquistata dalla Nazionale Italiana Femminile U17 nei Mondiali in Costa Rica. 

Nel nostro Paese, il movimento del calcio in "rosa" deve ancora svilupparsi molto. Tante sono le carenze ed un grande aiuto deve provenire innanzitutto dagli organi incaricati ad occuparsi di questo sport. E fino ad ora, sono davvero pochi gli interventi degni di nota. Negli ultimi tempi, in ogni caso, sicuramente molto gradita è stata la nuova carica assegnata in FIGC a Rosella Sensi. Per lei un bel compito: "Coordinatrice della Commissione per lo Sviluppo del Calcio Femminile". Bellissima, inoltre, anche l'iniziativa messa in piedi dalla TIM e dalla LND: Tim - Donne in Gioco. Un progetto che vuole portare il calcio femminile in molte piazza italiane, con giochi e attività ispirate al calcio in rosa. 

Siamo in un Paese dove, come anticipato, ci sono tante carenze per quanto riguarda il calcio femminile. Siamo in un Paese dove una squadra di calcio femminile spesso non ha un impianto sportivo dove allenarsi. Dove giocare. Dove poter dire "Siamo a casa". Siamo in un Paese dove il calcio femminile è dilettantistico. E forse lo sarà per sempre, anche se le calciatrici si allenano tutti i giorni. Anche se vincono uno Scudetto o una Champion's League. O addirittura vincono un Europeo o un Mondiale. Siamo in un Paese dove spesso o lavori o giochi a calcio. O meglio, fai entrambe le cose. Perché nel nostro Paese stipendiare una calciatrice spesso non esiste. E le società, questo vorrebbero tanto farlo. Ma non possono. Siamo in un Paese dove ogni calciatrice, in ogni caso, persevera. Continua a giocare e a credere nei propri sogni. Che alla fine, sono proprio quelli che... danno forma al mondo. 

Siamo in un Paese, però, che può dare tanto al calcio femminile. Può tutelarlo. Può seguirlo. Può migliorarlo.
E la prima strada da prendere è sicuramente l'unione. Uomini e donne. Senza distinzioni. Perché solo uniti si può scrivere la storia. Solo tutti insieme si può tornare a vincere nel calcio maschile e si può iniziare a farlo, con più costanza e con più titoli, in quello femminile. 
Con amore e con passione. Con il pallone nel cuore. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
calcio-femminile-sport-rosa-tacco12
in evidenza
Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

Quirinale/ Rete scatenata

Mentana all'inizio della maratona
Il Colle, il voto e l'ironia social

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Mini classica si converte all'elettrico

Mini classica si converte all'elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.