A- A+
Umbria
Semaforo rosso int

Ha fatto il “disinvolto” un autista ternano di 46 anni che, mentre parlava al telefono e passando col rosso in un incrocio semaforico, al poliziotto che gli faceva cenno di fermarsi ha risposto con un saluto e per questo ha ricevuto un multa di 311 euro.

Credevo che mi avesse fatto il gesto di riattaccare il telefono e così l’ho salutato”, questa è stata l’improbabile spiegazione che il “distratto” automobilista ha accampato quando – grazie al numero di targa della sua vettura prontamente rilevato dal poliziotto di quartiere – è stato convocato in Questura a Terni. Non solo l’uomo ha accampato l’inverosimile scusa, ma è anche rimasto di stucco quando il poliziotto gli ha contestato il fatto di essere passato con il rosso: lui, il semaforo, non l’aveva proprio visto.

Marcello Migliosi

TeF Channel

Tags:
semafororossotelefono
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.