A- A+
Viaggi
La vita è bella e nel Vallese ancora di più

Di Harry Di Prisco

Un viaggio in terra elvetica val bene un assaggio di formaggio dall' Emmentaler al Gruyère e alla Raclette che sono tra i nomi eccellenti della migliore tradizione svizzera. La Svizzera non dimentichiamo è una terra di pascoli dove, circa l'80% della sua superficie agricola, è sfruttabile solo per l'allevamento. In Svizzera, dove si producono più di 450 tipi di formaggio, la produzione ha una tradizione secolare che vede alla base di questo alimento la qualità, la genuinità e la bontà, garantite da severe norme in materia di produzione, controlli e rispetto dell'ambiente.                     
        
Nel Canton Vallese è famosa la "raclette". Léon - così racconta la leggenda - era il nome del vallesano che la inventò. In una fredda giornata d'inverno prese un pezzo di formaggio e invece di mangiarlo freddo a colazione lo riscaldò sul fuoco. Nacque così il primo piatto tipico vallesano che piace per il suo inconfondibile sapore. 

Il Canton Vallese, che è entrato a far parte della Confederazione elvetica quasi duecento anni fa, è il terzo cantone più vasto della Svizzera dopo il Canton Grigioni e il Canton Berna e si trova nella sua parte meridionale. Confina con l'Italia e la Francia. L'ampia valle glaciale del Rodano domina la regione. Ci sono molte vallate laterali che si diramano da quella principale. In cima alla valle Mattertal si trova Zermatt, un villaggio turistico, dominato dalla vista del Cervino, la montagna più fotografata al mondo, che con la Punta Dufour, situata nel Massiccio del Monte Rosa, rappresentano le più alte montagne della Svizzera.


A Zermatt si arriva in maniera spettacolare, per chi ha tempo, con un viaggio di otto ore a bordo del trenino rapido più lento del mondo, il Glacier Express, che supera 291 ponti e 91 gallerie. Dalla mondana Saint Moritz il treno si snoda attraverso la valle dell'Albula. Il Vallese è percorso essenzialmente dalla valle del Rodano, che i Romani chiamavano Vallis Poenina. Da questa valle si dipartono  altre valli come la Lötschental. Essa è circondata da un imponente scenario alpino formato dalle Alpi Vallesane e Bernesi. La valle, in larga parte non edificata e con piccoli villaggi ancora intatti, invita a trascorrere vacanze nella natura, lontano dai grandi centri turistici. Già in epoca preistorica gli uomini percorrevano la valle e l'omonimo passo, come testimoniano i reperti delle età del bronzo e del ferro e ancora oggi è il punto di partenza di innumerevoli tour alpini in un paesaggio integro. Duecento chilometri di sentieri escursionistici percorrono la Lötschental, che appartiene dal 2001 al sito del patrimonio mondiale dell'Unesco: Alpi Svizzere Jungfrau-Aletsch.

Qui si sono conservate antiche tradizioni ed usanze, come la famosa "Tschäggätä", una bardatura fatta di maschere in legno ed abiti in pelle, che contraddistingue gli ultimi giorni di Carnevale. Il comprensorio sciistico della Valle di Lötschen è l'alpe di Lauchernalp, sopra Wiler, a cui si arriva con la funicolare. Il Vallese conta ben 680 ghiacciai, che racchiudono circa 52 miliardi di metri cubi di ghiaccio, rappresentando due terzi dei ghiacciai presenti in Svizzera.  La cittadina di Sion, diventata poi la capitale del Cantone Vallese,  che risale a settemila anni fa, ha all'incirca trentamila abitanti e al suo interno si possono trovare anche alcune vestigia del suo passato. Dell'antica Sion sono scomparse le mura, le cinque porte e tutte le torri tranne una, la Torre delle Streghe. Al di là del fiume Rodano si può vedere il borgo di Saillon sormontato dalle rovine di un castello duecentesco dei Savoia. Siamo in un territorio collinare particolarmente adatto alla crescita dei vitigni e in città non mancano cantine e negozi che offrono i famosi vini vallesani.

Anche Sierre è una bella cittadina del Vallese, deliziosamente immersa nelle colline e circondata da vigneti e piccoli laghi,  che con i suoi dintorni costituisce una delle più importanti regioni viticole della Svizzera. Il Fendant ottenuto dal vitigno bianco del "chasselas" è uno degli ambasciatori più illustri del Cantone, mentre tra i vini rossi si distingue il Dôle, ottenuto per lo più dal pinot nero. Il sentiero viticolo che collega i due siti del Museo Vallese della Vigna e del Vino, frutto di una collaborazione tra la casa Meyer a Sierre e la casa Zumofen di Salgesch, permette ai visitatori di avere delle informazioni dettagliate sui "Cru" della regione. Nell'enoteca dello Château de Villa si possono degustare più di 640 Grand Cru selezionati, di oltre 102 viticoltori. Sierre è anche un punto di partenza ideale per numerose escursioni grazie alla sua posizione centrale, tra l'Alto e il Basso Vallese.

I Romani la chiamavano "la città delle cento colline" e su una di queste furono costruiti castelli e fortezze, circondati poi da frazioni che con il passare del tempo hanno dato origine alla cittadina odierna. Il municipio, riccamente decorato, e la pittoresca rue du Bourg, fiancheggiata da edifici storici tra cui, il rosseggiante castello dei Vidomnes a quattro torricelle angolari e la chiesa di Santa Caterina, costituiscono il centro storico, mentre a nord dell'abitato si può ammirare il Santuario di Notre Dame des Marais. Il Vallese è molto noto per la sua natura incontaminata, le montagne innevate e le numerose eccellenze agroalimentari. A queste peculiarità si devono aggiungere settori importanti come l'agricoltura e il turismo.     
                               
Il Cantone gode di una lunga tradizione turistica, che l'ha resa famosa nel mondo. È qui che è nato César Ritz, il fondatore degli Hotel Ritz a Parigi e Londra, che contribuì a sviluppare il concetto di albergo di lusso destinato ad una clientela agiata ed esigente, proveniente da ogni parte del mondo. Nel sito di Svizzera Turismo (www.svizzeraturismo.it) si potranno trovare tutte le informazioni per consentire alle famiglie di potersi concedere una rilassante vacanza in loco e tante altre notizie e curiosità sono sul sito dell'Ente turistico vallese (www.valais.ch). In questo Cantone, le cure di benessere, di bellezza e di rimessa in forma hanno una tradizione secolare, peraltro note già ai Romani che erano a conoscenza delle virtù "curative" delle acque vallesane.

Le stazioni termali, tanto ricercate oggi per il relax, sono dotate di attrezzatissimi centri benessere che si trovano a Saillon, Leukerbad, Ovronnaz, Val-d'Illiez, Breiten e Brigerbad. A Crans Montana è possibile andare in mountain bike lungo l'impegnativo percorso panoramico dei campionati di mountain bike del 1998. L'escursione inizierà nella frazione di Aminona, ubicata sopra Crans Montana, si risalirà la montagna verso Cave du Sex per proseguire fino al limite del bosco, dove si potrà ammirare un panorama eccezionale con vista sulle Alpi vallesane. Lungo il percorso gli appassionati delle due ruote si sposteranno su strade sterrate,  concedendosi una sosta golosa presso il ristorante Ploumachit, che rappresenta un invito a passare dei piacevoli momenti davanti ad una fumante raclette vallesana e ad un ottimo calice di vino.

Tags:
cantonvallese
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.