A- A+
Viaggi

di Alessandra Peluso

 

grazie per aver


Gli imprevisti cambiano la vita. Se in un in primo momento imprechi e pensi sia un "flagello di Dio" ti accorgerai presto come l'imprevisto arriva per metterti alla prova e cambiarti la vita, addirittura stravolgerla. Così accade al protagonista del romanzo "Grazie per aver viaggiato con noi" di Fausto Romano. È un romanzo che sorprende. Giorgio perde la sua valigia rossa in un aeroporto di Parigi ma ritrova la sua identità, prende il coraggio di fare finalmente delle scelte. È una sorta di monologo interiore, di analisi su se stesso, di viaggio appunto esistenziale che gli fa tessere le fila della sua vita di medico primario a Roma, tentando di fare un bilancio e capire che è arrivato finalmente il momento di cambiare.

Bellissima e alquanto ilare la riflessione intimistica del dottor Giorgio. È sorprendente come la perdita di un bagaglio a causa di un fuso orario non calcolato dalla segretaria muti profondamente l'esistenza. Cambiamenti radicali senz'altro audaci: il viaggio deve seguire un'altra rotta, occorre cambiare il destino che il protagonista stesso ha deciso - per poi ad un certo punto - rendersi conto che nulla ha più senso. La propria vita è un passo dal fallimento. E da una crisi, dalla distruzione del sé pigro, arrabbiato, annoiato riluce una nuova identità sommersa forse dall'abitudine e dalla cecità che non fa vedere ciò che dovresti. Fausto Romano racconta in modo semplice, ma deciso, accattivante e con tanta ironia il romanzo che si immagina come un film in cui l'attore diventa protagonista, nella quale la recita diventa realtà e la menzogna verità. Nietzsche direbbe "Cos'è la verità? Un mobile esercito di metafore, metonimie, antropomorfismi, in breve una somma di relazioni umane, poeticamente e retoricamente potenziate… Le verità sono illusioni di cui si è dimenticato il carattere illusorio, sono metafore che si sono logorate e che rimangono senza forza sensibile, sono monete la cui immagine si è consumata e che vengono trattate soltanto come metalli, non più come monete". Mentre è giunto il momento di trattare se stesso e la propria vita come moneta preziosa, dal valore inestimabile. Appare un po' come la parodia di se stesso "Grazie per aver viaggiato con noi", così fa sorridere e parimenti pensare quando si legge ad esempio l'episodio di Gino il barbiere, o le gaffes con lo psicanalista. O quando l'autore racconta del tradimento come parte integrante del matrimonio, come la vita con la morte, l'ago col filo, il detersivo con l'ammorbidente. È l'unico modo per accoglierlo in maniera non tragica è essere coscienti che prima o poi arriverà. (p. 85). Magnifica la reazione del dottore - da premio nobel - peccato però che non avrà un esito positivo. Capirete leggendo. È nel romanzo il filo conduttore l'esistenza ritrovata, riconosciutosi nella sua nuda verità il protagonista ammette le sue colpe, comprende per un imprevisto inaspettato, apparentemente inopportuno, che la sua vita deve prendere un altro corso e non può più lasciarsi trascinare dalla corrente dell'abitudine e della pigra e stagnante rassegnazione.

Leggere "Grazie per aver viaggiato con noi" di Fausto Romano adotta l'imprevisto della valigia perduta, dell'aeroporto utilizzato spesso dal protagonista per meeting o convegni, per dar manforte a chi si accosterà alla lettura, evidenziando come ciò che accade nella vita per caso, improvvisamente, non nuoce come si può credere in un presente e superficiale momento, ma si tratta di un'occasione che pur alle volte portando dolore e sofferenza comporta una necessità di cambiamento che tempra, rinvigorisce. Nel romanzo l'arma vincente è il coraggio, l'audacia a cambiare totalmente, a sradicare le proprie radici e ad affondarne di nuove e più vigorose in altri luoghi, tempi e modi. Romano attraversa l'esperienza descritta dimostrando con chiarezza e genuinità che siamo esseri nelle mani di una Vita più grande alla quale non si può né si deve sfuggire, ma al contrario affrontarla nel modo migliore possibile. È un inno alla vita e alla necessità di viverla anche sbagliando, se nell'errore si  recupera  la propria essenza.             

Tags:
viaggifausto romano
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.