A- A+
Viaggi
Normandia, le vacanze 2016 fanno tappa qui. Ecco che cosa visitare

Di Davide Mura

Colori, paesaggi e luoghi simbolo che hanno ispirato nei secoli artisti e scrittori: la Normandia è una meta che continua a offrire suggestioni per chi è alla ricerca di una destinazione che racchiude storia, arte, natura e gastronomia. La regione francese si presta inoltre ad attività all’aria aperta, dunque è l’ideale per una vacanza estiva, anche grazie al ricco calendario di appuntamenti programmati in questi mesi per i suoi visitatori. Durante l’estate gli enti turistici locali hanno infatti lanciato un programma di attività ed eventi per cogliere anche in pochi giorni lo spirito dei suoi luoghi. Si tratta di itinerari tematici che possono essere scegli a seconda dei gusti e degli interessi dei visitatori. 

Ma un viaggio ideale in Normandia dove può iniziare? Senz’altro a Rouen, capoluogo della regione e scrigno di tesori medievali. Il centro storico è di fatto un museo a cielo aperto che permette di ripercorrere, anche solo passeggiando, la vita durante il periodo in cui la città visse il suo momento di massimo splendore, testimoniato dalla ricchezza architettonica degli edifici e dalla maestosa cattedrale gotica di Notre-Dame - era uno dei soggetti prediletti da Monet - sulla cui facciata ogni sera viene proiettato uno spettacolo di luci. La città di Rouen è strettamente legata alla figura di Giovanna D’Arco, la “pucelle” simbolo della ribellione contro gli inglesi durante la guerra dei cent’anni e arsa viva in seguito al processo di eresia proprio nella piazza principale. La sua riabilitazione storica e la santificazione hanno spinto a celebrare in musei e mostre temporanee questa eroina francese: dal memorial di Jeanne D’Arc, che ripercorre la storia del suo processo, fino al sito Panorama XXL, che espone una serie di opere realizzate dall’artista tedesco Yadegar Asisi che mescolano diverse tecniche - pittura, disegno e fotografia digitale - per rappresentare la Rouen gotica del XV secolo.

Da Trouville-sur-Mer alle spiagge degli sbarchi

Tra le tappe imperdibili, una località marittima meno nota rispetto alla vicina Deauville ma altrettanto suggestiva, grazie alle sue spiagge che sembrano infinite e che hanno colpito l’immaginazione di mostri sacri della letteratura come Marguerite Duras e Flaubert: Trouville-sur-Mer, nel dipartimento del Calvados, antica stazione balneare dell’aristocrazia europea tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, come testimoniano le ville affacciate sul mare. Dal mercato del pesce alle boutique nel dedalo di stradine del centro, tutto sembra invitare al relax e a riscoprire uno stile di vita all’insegna della joie de vivre. Da qui è possibile dirigersi verso un luogo della memoria, le spiagge dello sbarco americano in Normandia, lungo la cosiddetta Côte de Nacre (da Arromanches a Omaha Beach a Juno Beach, a Berniéres-sur-mer, dove arrivarano le forze canadesi), oggi disseminata di resti di quelli che furono campi di battaglia e memoriali come quelli di Caen. 

In bicicletta

Con più di 550 km di piste in mezzo alla natura, la Normandia propone numerosi itinerari tematici in bicicletta nel cuore dei grandi luoghi della regione dove cicloturismo, patrimonio culturale e gastronomico si fondono. I percorsi principali, ciascuno legato a particolari elementi identitari, attraversano la regione e offrono agli appassionati delle due ruote un’interessante varietà di scelta. Tra i più suggestivi, il circuito che conduce al Lac de la Dathée, quello che congiunge Evreux alla Vallée du Bec e il circuito Des Trois Forêts d’Ivry-la-Bataille e quella des Moulinardes. Un’idea alternativa alla bici è quella di percorrere questi sentieri a cavallo.

Gastronomia gourmet

La cucina normanna beneficia di un territorio ricco di prodotti agricoli, ma allo stesso tempo del mare: la regione vanta specialità alimentari famose, dai formaggi al burro, dalla panna al latte, e naturalmente il sidro, il calvados, le carni d'agnello, pesci e frutti di mare. Latte, formaggi (tra cui il celebre Camembert), agnello, ma anche ostriche, cozze e conchiglie di Saint-Jacques, di cui la regione è la prima produttrice di tutta la Francia.

Nel cuore del Parco Regionale Normandie Perche, nel castello di Blavou, eretto nel XV secolo, vengono proposti corsi di cucina con focus sulla pasticceria normanna. A est di Caen, da segnalare la "Route du Cidre", la Strada del Sidro, un itinerario fra i tipici paesaggi del Pays d’Auge e villaggi di charme - Beuvron-en-Auge Bonneboscq, Beaufour, Druval, Cambremer, Crèvecoeur-en-Auge - castelli, manieri, case a graticcio, pascoli e infinite distese di alberi di melo. 

Nel cuore dell’area geografica doc “Cidres du Pays d'Auge”, la Strada del Sidro riunisce una ventina di produttori segnalati che aprono le porte ai visitatori, fanno visitare le cantine, spiegano come nasce il sidro e offrono degustazioni e possibilità di acquisti diretti (e in genere non solo di sidro, ma anche di calvados, pommeau, aperitivo a base di mosto di sidro e calvados e poiré, il sidro di pere). Se amate le antiche distillerie, da non perdere quella di calvados in una location suggestiva: lo château du Breuil.

Una tappa nelle quattro località che hanno dato il nome ai formaggi DOC è il modo più semplice per crearsi un percorso su misura, con visite da alcuni produttori, come la fromagerie Graindorge a Livarot che produce livarot e pont-l’évêque e il domaine Saint-Hippolyte a Saint-Martin-de-la-Lieue.

Il castello di Falaise: i luoghi dell’infanzia di Guglielmo il Conquistatore 

Il Castello di Guglielmo il Conquistatore a Falaise consente al visitatore d’essere trasportato nell’XI, XII e XIII secolo grazie a dei tablet. Le ricostruzioni fanno immergere nel cuore dei fasti della corte anglo-normanna e nella vita quotidiana della popolazione del castello e sono arricchite con proiezioni d’immagini, racconti e ambienti sonori.

All’esterno del castello, nel cortile e sulle mura, alcuni strumenti interattivi offrono scene di realtà aumentata. La nuova scenografia valorizza questa fortezza eccezionale e fa comprendere il ruolo di questo castello durante il periodo dei duchi di Normandia e re d’Inghilterra.

Abbazia di Jumièges: un viaggio al tempo dei Vichinghi e dei duchi di Normandia

L’abbazia di Jumièges è uno dei più antichi e più importanti monasteri benedettini della Normandia. Fondato verso il 654 da San Filiberto, l’abbazia applica sin dagli inizi la regola di San Benedetto e conosce uno sviluppo molto rapido. A partire dall’841 essa è devastata dai Vichinghi, che obbligano i monaci ad abbandonare il luogo per circa 10 anni. Essa ritrova la prosperità delle origini solamente nell’undicesimo secolo, che vede la ricostruzione della chiesa abbaziale di Notre-Dame inaugurata da Guglielmo il Conquistatore nel 1067. La sua distruzione, nel XIX secolo, le ha valso il nome di «plus belle ruine de France» (più bella rovina di Francia) da parte di Victor Hugo e l’immagine di un sito a cielo aperto decisamente romantico. Oggi un percorso di visita interattivo con tablet permette di scoprire le immagini dell’abbazia prima della sua distruzione.

Il Mont Saint-Michel

Simbolo dell’iconografia di questa regione francese e sito turistico tra i più frequentati di Francia, è senz’altro il Mont Saint-Michel, patrimonio mondiale Unesco. Il monte è di fatto un isolotto collegato alla terraferma da un ponte passerella e durante le alte maree la piana intorno alla rocca si allaga e rimane in superficie solo il collegamento. Qui sorge una cittadina medievale dominata da un imponente santuario eretto in onore di San Michele. Una leggenda racconta che l’arcangelo apparve nel 709 al vescovo di Avranches sant’Auberto chiedendo che gli fosse costruita una chiesa sulla roccia, il vescovo ignorò per due volte la richiesta finché San Michele non gli bruciò il cranio con un foro rotondo provocato dal tocco del suo dito, lasciandolo tuttavia in vita (il cranio di Sant'Auberto con il foro è conservato nella cattedrale di Avranches). Il duca Riccardo I fondò nel 966 una abbazia benedettina, che divenne nei secoli un luogo di pellegrinaggio finché con la Rivoluzione francese gli ultimi monaci vennero cacciati e l’abbazia divenne una prigione. Un viaggio in Normandia senza una visita a questo luogo affascinante e unico nel suo genere sarebbe impensabile.

Calendario degli appuntamenti estivi

Festival Normandia Impressionista

Il festival ha come tema predominante i ritratti. Dalle giovani donne di Renoir, alle modiste e lavandaie di Degas, fino alle campagnole di Pissarro, per citarne alcuni. Tra i musei coinvolti, il Musée des Impressionnismes di Giverny, il Museo delle Belle Arti di Rouen, il Museo André Malraux di Le Havre, il Museo delle Belle Arti di Caen. Più di 450 eventi e animazioni amplieranno questa programmazione svelando così l’impressionismo in tutte le sue forme: danza, teatro, musica, cinema, fotografia, luci e suono, pranzo sull’erba, danze popolari ecc. (www.normandie-impressionniste.eu). Fino al 26 settembre.

Un modo originale per riscoprire l’impressionismo è il treno che parte dalla stazione di Paris-Saint-Lazare, rivestito da una tela d’autore, sulle tracce dei più grandi pittori impressionisti a Vernon-Giverny, Rouen e Le Havre. Il treno dell’impressionismo circolerà tutti i weekend fino al 25 settembre (www.letraindelimpressionnisme.fr). 

Normandie Horse Show Saint-Lo

Per dieci giorni il cavallo è agli onori attraverso diverse discipline (salto d’ostacoli, horse-ball, attacchi…), ma anche con prove di allevamento. Dal 7 al 16 agostowww.normandiehorseshow.com

Festival le Traversate Tatihou

Raggiungere a piedi, con la bassa marea, l’Isola Tatihou di Saint-Vaast-la-Hougue e prendete parte a un ideale giro del mondo attraverso le musiche del mare. Dal 10 al 22 agosto

www.manche.fr/culture/programmation-traversees-tatihou.aspx

I Giardini della Normandia

Amate parchi e giardini? Ecco alcune mostre a tema in calendario: À propos de jardin, a Gratot (6 e 7 agosto); Festival  du dahlia a Coutances (1-30 settembre); Piante e sapori d’autunno a La Hague 10 et 11 settembre; Piante d’autunno al Giardino Plume a Auzouville-sur-Ry (17 et 18 settembre).

Les Hastingales, i medievali di Domfront 

Guglielmo il conquistatore 1066-2016: storia di una conquista (Dives-sur-Mer, Cabourg, Houlgate). 6 e 7 agosto. 

La Festa dei giochi di Falaise

Evento in costume con 250 soldati, cavalieri, baroni normanni presso il castello di Falaise. Tornei, giochi di società medievali, tiro con l’arco e animazione. 13 e 14 agosto.

Jazz en Baie

Tra i luoghi dove si svolgerà il festival del jazz: la spiaggia di Carolles, i giardini del museo Christian Dior a Granville, sui greti del Mont Saint-Michel vicino alla scogliera di Tombelaine. Tra i musicisti sul palco, Lucky Peterson, Dianne Reeves, Erik Truffaz, Maceo Parker, Kyle Eastwood (le fils de Clint), Electro Deluxe, et bien d’autres. Dal 5 al 15 agosto. http://www.jazzenbaie.com 

Traversate dell’Isola Tatihou (Manica) 

Le traversate durante la bassa marea partono da Saint-Vaast-la-Hougue e consentono un giro del mondo della musica. Tra gli artisti coinvolti, Zachary Richard (Louisiana), Solas (Stati Uniti - Irlanda), Denez (Bretagna), Sébastien Bertrand, Monster Ceilidh Band (Scozia) e altri ancora. Balli notturni, canti e animazione. Dal 9 al 21 agosto.

42esimo Festival del cinema americano di Deauville 

Appuntamento di riferimento per tutti gli appassionati della settimana arte, tutti gli anni accoglie le più grandi star del cinema sul red carpet di Deauville. Dal 2 all’11 settembre. http://www.festival-deauville.com/DEV/index.php

Informazioni Turismo in Normandia http://www.normandie-tourisme.fr 

Tags:
normandia viagginormandia cosa visitarenormandia itinerario viaggi
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.