A- A+
Cronache
Gladio, ecco la verità. Il ruolo del Sismi e di Andreotti

 

L’ottusità e la cecità di alcune tra le più importanti testate giornalistiche d’Italia non ha confini. 
Il Sismi, l’ex servizio segreto militare italiano in epoca di Guerra fredda, era diviso in 16…17 o forse 18 divisioni.
La settima era quella destinata a Gladio, la struttura tanto citata e tanto infangata nel tempo e negli anni. Ma alcune domande essenziali ve le siete mai poste?
Di tutte queste divisioni avete mai saputo le altre cosa realmente svolgevano? La prima…, ad esempio, si occupava di Controspionaggio... E vi pare poco in quel periodo?  
Capite bene, al comando del Servizio per quarant’anni si sono susseguiti diversi Capi…. Colonnelli, Generali, Ammiragli e Comandanti che, non avevano soltanto la settima in mano ma altre 15 div. da gestire.
Perché dunque illuminare per decenni (e ancora oggi) una piccola struttura facente parte del gruppo e tacere su quanto avveniva nel resto dei comparti?
Perché dunque compiere questo massacro sui 622 gladiatori e i loro vertici “stellati” e tenere all’oscuro tutto il resto del blocco “intelligence”?
Perché dunque, l’ex Premier Giulio “il Gobbo” il “Divo” Andreotti ha deciso di dare in pasto all’opinione pubblica (in quell’autunno del 1990) esclusivamente la settima, i loro capi e quei “bastardi senza gloria” che con fedeltà si addestravano nella massima segretezza in Sardegna?? A Torre Poglina per la precisione!
Perché dunque, additare a tutti loro i mali del mondo e non guardare un pochino oltre? La…solita pagliuzza negli occhi degli altri e il trave nei propri. Solita storia “italica”.
Se illumini, di tua spontanea volontà, un qualcosa è perché devi per forza nascondere dell’altro… 
Se illumini, senza un minimo di riguardo per gli aderenti, è perché devi per forza offuscare e fuorviare l’opinione pubblica.
Se - a certi livelli - illumini è perché devi sottacere ben altro.
Se decidi di illuminare Gladio (presa a tavolino nei palazzi del potere) è perché vuoi adombrare i veri misfatti …. la vera storia italiana…. e i reali “deviati” di cui il bel Paese è stato vittima.
P2 e Gladio… hanno fatto comodo a molti…. Bologna e la sua strage…altrettanto. Ha fatto comodo Licio Gelli, ha fatto comodo Gladio, hanno fatto comodo i NAR ed ha, perfino, fatto comodo il Lodo Moro...ironia della sorte.
Nonostante le decine, forse centinaia di processi in merito, la verità è praticamente sepolta, perchè cosi’ doveva essere e perchè cosi sarà!!!!
Non aspettatevi altro. 
L’unica “consolazione” in tutto ciò??? Lo stato attuale di questa seconda Repubblica. Un disastro senza eguali. 
Paradossalmente… ,meglio l’epoca dei misfatti che la situazione di oggi. Perire con la P38 aveva “forse” un senso e un’ideologia, crepare di infarto per il dispiacere di non poter dare un pasto ai propri figli è ben altra cosa!!!!!!!!!!     

 

Tags:
gladio
in vetrina
Mattone, scelto da 17,9% come investimento. Case indipendenti? Come prima casa

Mattone, scelto da 17,9% come investimento. Case indipendenti? Come prima casa

i più visti
in evidenza
Brigitte Macron torna a insegnare Prof in una scuola per disoccupati

Affari Europei

Brigitte Macron torna a insegnare
Prof in una scuola per disoccupati


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroën C4 e Grand C4 Spacetourer: il motore benzina puretech 130 S&S che risp

Citroën C4 e Grand C4 Spacetourer: il motore benzina puretech 130 S&S che risp


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.