A- A+
Cronache
Guerra in Siria: Gino Strada pro Matteo Salvini

Molti i folgorati sulla via di Damasco, o meglio di Palazzo Chigi, tra i personaggi più o meno noti.

Si sa che chi vince diviene simpatico anche se magari fino a poco tempo fa era il nemico numero 1.

Ora è la volta di Gino Strada che dirigendo Emergency ha sempre visto la Lega in generale e Matteo Salvini in particolare come il nemico pubblico numero 1 e diciamo che ci sta anche nella logica degli interessi contrapposti.

Tuttavia qualche giorno fa il buon Gino da Radio Capital ha dichiarato:

Sono contento di vedere che anche lui dice qualcosa di intelligente. Molto meglio questa posizione contro la guerra che non quelle contro i migranti.

Sempre spocchioso, per carità, ma almeno sulla stessa frequenza del leader leghista sulla guerra in Siria, un tema che, in effetti, ha il magico potere di unire destra e sinistra contro gli Usa, la prima per motivi storici risalenti alla seconda guerra mondiale e la seconda per l’avversione all’odiato capitalismo.

Il finale è una sorta di sermoncino contro l’Onu (che già starà chiedendosi chi sia) con allegate profezie millenaristiche sulla fine del mondo causa terza guerra mondiale con la ciliegina sulla torta: “Io non sono un pacifista, ho sempre detto che sono contro la guerra”. Incomprensibile ossimoro degno di un codice bizantino.

Si attendono altre dotte esternazioni della figliola Cecilia Strada, che non è più in Emergency, ma non rinuncia a pistolotti terzomondisti conditi con una bella dose di acidità. Resta famosa una delle ultime esternazioni: “Non fate sesso con i fascisti” che provocò una ondata di ilarità nella parte avversa in cui le fu fatto gentilmente notare che forse sarebbero stati proprio i “fascisti” a non voler fare sesso con lei adducendo, tra l’altro, non eleganti motivi estetici.

Famosa la risposta di Vittorio Sgarbi:

http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/02/16/AC20KrKB-sacrifica_risposta_fascisti.shtml

Ma torniamo al babbo.

Non è “conversione” paolina certo, ma prepara la strada (scusate il simpatico bisticcio di parole) verso di essa.

Quello che però non torna sono queste conversioni tardive è che sanno molto del salto nel carro del vincitore, sport del resto -come noto- assai praticato nel nostro Paese.

Del resto la tradizione è antica e poco nobile; basti pensare al fondatore di La Repubblica, Eugenio Scalfari, che scriveva su Roma Fascista organo ufficiale del Guf, Gioventù universitaria fascista, e che poi fece il tradizionale salto della quaglia in campo opposto, cioè della sinistra.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/difendo-scalfari-fascista-allepoca-erano-tutti-1457497.html

Altro personaggio insospettabile è stato anche Dario Fo, premio Nobel per la letteratura e repubblichino.

http://www.ilgiornale.it/news/cultura/passato-camicia-nera-repubblichino-dario-fo-1318924.html

Tags:
gino stradamatteo salvinicecilia stradaeugenio scalfaridario fofascismo

in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

i più visti
in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche: addio al Diesel

Porsche: addio al Diesel

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.