A- A+
Cronache
Ue, verso l'ordine di assunzione dei precari.190mila guai per i conti pubblici

Il ministero dell'Istruzione stabilizzi il personale precario della scuola coprendo tutti i posti disponibili e vacanti. A chiederlo è la Federazione Gilda Unams in vista della sentenza con cui a breve la Corte di Giustizia europea si esprimerà in merito all'abuso dei contratti a tempo determinato oltre i 36 mesi. In base alle conclusioni depositate il 17 luglio a Lussemburgo dall'avvocato generale MacieJ Szpunar, all'orizzonte si profila una condanna dello Stato italiano che sarà dunque costretto ad assumere i precari.

La Fgu chiede quindi a viale Trastevere di correre ai ripari, così da evitare il ricorso a ulteriori iniziative giudiziarie. “Al Miur – afferma Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Fgu – non conviene affatto continuare a tergiversare perchè nel procedimento a suo carico in corso a Lussemburgo tutti gli elementi gli sono contro. Le invocate restrizioni di natura finanziaria non giustificano l'abuso dei contratti a tempo determinato in violazione alla normativa comunitaria.

A dimostrarlo – sottolinea Di Meglio - sono anche numerosi documenti, tra cui la relazione della Corte dei Conti del 2012 sul costo del lavoro pubblico, già noti al ministero dell'Istruzione. Ricordiamo inoltre che è stata la Corte Costituzionale a sollevare le prime questioni sul precariato pubblico scolastico alla Corte di Giustizia, evidenziando la mancata indicazione di tempi certi per l’espletamento dei concorsi e l'assenza di misure risarcitorie. Inoltre a sostegno dei precari, durante l’udienza del 27 marzo scorso a Lussemburgo, è intervenuta la Commissione europea richiamando la procedura d’infrazione, attivata anche dalla Federazione Gilda Unams, nel confronti dello Stato italiano. A questo punto – conclude Di Meglio – invitiamo il Miur a procedere con le immissioni in ruolo dei precari, ponendo così fine a una vergogna che si trascina ormai da troppi anni”.

E la botta sui conti pubblici si farebbe molto sentire visto che quello dei precari è un vero esercito. Secondo le stime ministeriali riportate da Orizzonte Scuola i precari sono tra i 180mila e i 190 mila così suddivisi: 1.170mila iscritti nelle GaE 2.460mila iscritti in Graduatoria di istituto per supplenze annuali (da sottrarre i 170mila iscritti in GaE) 3.10mila nuovi abilitati TFA 4.70mila con titoli di servizio e abilitandi PAS 5.55mila diplomati magistrali A questi bisogna ggiungere i laureati in Scienze della formazione primaria immatricolati dall'anno accademico 2008/09. Seguici su FaceBook news in tempo reale Di questi, coloro che hanno lavorato sono stati 120.339 su 728.325 docenti. 1.108.284 assunti fino al 30 giugno e solo 2.12.055 con contratto al 31 agosto 3.tra i 40-50 mila supplenti chiamati dalle graduatorie d'istituto A questi bisogna aggiungere 18.979 Ata. Davvero un esercito.

Tags:
precariistruzionecorte europea
in vetrina
Temptation Island Vip 2, una coppia abbandona. Temptation Island Vip 2019 News

Temptation Island Vip 2, una coppia abbandona. Temptation Island Vip 2019 News

i più visti
in evidenza
Brigitte Macron torna a insegnare Prof in una scuola per disoccupati

Affari Europei

Brigitte Macron torna a insegnare
Prof in una scuola per disoccupati


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroën C4 e Grand C4 Spacetourer: il motore benzina puretech 130 S&S che risp

Citroën C4 e Grand C4 Spacetourer: il motore benzina puretech 130 S&S che risp


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.