A- A+
Culture
Battaglia sulla gestione dei diritti d'autore: ma Soundreef è davvero solida?
Fedez è l'artista più celebre di Soundreef.

Battaglia sulla gestione dei diritti d'autore: ma Soundreef è davvero solida? L'esigenza dell'equilibrio nei conti

Soundreef nasce a Londra nel 2011 per mano di Francesco Danieli e Davide d'Atri. Da allora, complice l'esperienza non sempre brillante del monopolista e il fascino patinato del mercato sugli italiani, Soundreef ha messo le mani su una fetta della torta aprendo di fatto il capitolo delle battaglie regolatorie e legali. Soundreef è oggi di fatto una società italiana ma con sede legale a Londra, con un numero ancora abbastanza contenuto di associati, che può  contare su alcuni nomi importanti del panorama musicale italiano, come Fedez, Kento, D'Alessio che vengono, per cosi dire, utilizzati come testimonial, e senza una propria rete di agenti. E con una situazione economico-finanziaria che inizia ad allarmare. L'esigenza dell'equilibrio nei conti, che per le anime creative può apparire come un ridondante esercizio speculativo, per una società è al contrario esiziale ai fini della sostenibilita' del business e della capacita di far fronte agli impegni verso clienti o associati .

 

Battaglia sulla gestione dei diritti d'autore: ma Soundreef è davvero solida? Dubbi sul peso delle perdite

Con lo spettro incombente di una recessione, quindi, ha suscitato non poche perplessità l'intervista sul Sole.com al cofondatore Davide d'Atri in cui si sbandierano con ammirevole soddisfazione gli obiettivi ambiziosi della società. E sì, perché appunto la situazione è tutt'altro che rosea. "Abbiamo un piano d’investimenti da 20 milioni in 18 mesi", afferma d'Atri, aggiungendo che c’è ancora una perdita d’esercizio, "ma non è il caso di farne un dramma siamo una startup che opera nel comparto della musica, investiamo per diventare grandi”. Forse è vero, anzi lo è certamente. Ma è vero anche che, soprattutto sotto l'allarme della recessione, i primi comparti a veder tagliati i fondi sono proprio quelli legati alle arti nobili.  Allora difficile spiegare agli artisti che hanno scelto Soundreef, specie quelli meno blasonati di Fedez e Rovazzi, che "non è il caso di farne un dramma" sapendo che la perdita di esercizio nel 2017 della societa è crollata, passando in un anno da 298.000 a 1.202.000 sterline e che il patrimonio netto della societa, gia' negativo nel 2016 (-430.000 sterline)  è  ulteriormente peggiorato (-850.000 sterline) .Ormai in molti si chiedono se veramente Soundreef sia in grado di tutelare gli interessi di tutti gli artisti e specialmente di quelli meno alla ribalta, che infatti stanno iniziando a rumoreggiare. E c'è già chi dice siano pronti a tornare da mamma Siae. 

LA RISPOSTA DEL CEO DI SOUNDREEF D'ATRI: ECCO PERCHE' SIAMO SOLIDI

Commenti
    Tags:
    diritti d'autoresoundreefsiae
    in evidenza
    Marcello Lippi torna ad allenare Ct della Cina verso i Mondiali 2022

    Sport

    Marcello Lippi torna ad allenare
    Ct della Cina verso i Mondiali 2022

    i più visti
    in vetrina
    GRANDE FRATELLO 2019, ELEZIONI EUROPEE 2019, CONCORRENTI ESCONO. Gf 2019 news

    GRANDE FRATELLO 2019, ELEZIONI EUROPEE 2019, CONCORRENTI ESCONO. Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Enel X,Nissan e RSE avviano la prima sperimentazione Vehicle to Grid

    Enel X,Nissan e RSE avviano la prima sperimentazione Vehicle to Grid


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.