A- A+
Economia
Borsa, Hong Kong vuole City e Milano: 36 miliardi per il London Stock Exchange


Hong Kong Exchanges and Clearing (Hkec), gestore del listino azionario e dei future di Hong Kong oltre che di quattro clearing house sempre nella città-stato cinese ma anche del London metal exchange (Lme), mercato dei metalli londinese, ha lanciato a sorpresa un’offerta da 29,6 miliardi di sterline (ovvero 31,6 miliardi, circa 36 miliardi di euro, debito incluso) per il London Stock Exchange Group (Lse Group), gestore della borsa di Londra e proprietario anche del 100% di Borsa Italiana fin dal 2007.

hong kong ape
 

Se la fusione dovesse andare in porto, cosa tutt’altro che scontata visto che Lse Group è reduce da due “rotture di fidanzamento”, prima col Tmx Group, che gestisce il listino azionario di Toronto, poi con Deutsche Boerse, cui fa capo il listino di Francoforte, Hkec, finora quinto gestore al mondo, vedrebbe raddoppiare la capitalizzazione di mercato dei titoli quotati sui suoi listini e si piazzerebbe alle spalle dei soli listini americani Nyse (che fin dal 2006 ha flirtato col listino di Shanghai) e Nasdaq, superando la borsa di Tokyo e staccando Euronext e gli altri due listini cinesi di Shanghai e Shenzen

Hkec è una public company quotata con un flottante superiore al 78,5%, mentre un ulteriore 16% circa è in mano a fondi e investitori istituazionali. Fin dal 2007, tuttavia, il governo di Pechino è entrato nel capitale con una percentuale del 5,5% circa, chiarendo che si trattava di un investimento “strategico”. Una partecipazione che, oltre oltre al punto di vista regolatorio, potrebbe rappresentare qualche difficoltà dal punto di vista geopolitico. 

LP 9700429
 

La mossa di Hkec segue l’annuncio del primo agosto del Lse Grop di voler rilevare il colosso dei dati Refinitiv, finora controllato da Thomson Reuters e BlackRock e che tra i propri azionisti vede il fondo pensione del Canada e il fondo sovrano di Singapore

Un’operazione da 27 miliardi di dollari (24,5 miliardi di euro) destinata a concludersi nella seconda metà del prossimo anno, pensata dal Ceo di Lse, l’ex banchiere d’affari di Goldman Sachs David Schwimmer, per diversificare il business di Lse Group e far nascere un business globale, ma che il Ceo di Hkec, Charles Li, presentando l’offerta a Londra ha già fatto sapere di voler annullare per puntare sullo sviluppo di un ponte tra i mercati occidentali e i mercati orientali emergenti, Cina in primis

Borsa
 

La reazione dei titoli di Lse Group è stata immediatamente positiva, col titolo che a metà giornata segnava un rialzo del 5,5% circa a fronte tuttavia di un differenziale del 22,9% (premio) tra il prezzo di chiusura di ieri del titolo e le 8,361 sterline offerte da Hkec.

Il rialzo “prudente” è legato al fatto che non è detto che le cose filino lisce e i cinesi riescano a mettere le mani sui listini di Londra e Milano. Il Segretario di stato britannico per gli affari economici, Andrea Jacqueline Leadsom, ha già fatto sapere che il governo inglese “guarderà molto attentamente” ad ogni investimento in Lse Group che “potenzialmente ha un impatto sulla sicurezza” della Gran Bretagna, come sembra essere “esattamente questo caso”. 

Copia di Visita Mattarella in Borsa Italiana con Sironi e Jerusalmi

 

In effetti ritrovarsi col gestore del principale hub finanziario europeo controllato da una società partecipata dal governo cinese rischia di procurare qualche ulteriore attrito tra il vecchio continente e gli Stati Uniti, da tempo impegnati con Trump in una battaglia per contenere la crescenta influenza economico-politica di Pechino. Pochi giorni fa, inoltre, Hkec aveva dovuto ammettere che il suo sito web era stato hackerato e allo stesso tempo aveva sospeso per alcune ore le contrattazioni sui derivati per eliminare un baco informatico. 

"Si tratta di un'operazione amichevole per creare una grande Borsa internazionale a servizio dei capitali cinesi", è il commento rilasciato ad Affaritaliani.it di Alberto Forchielli, imprenditore che conosce molto bene Hong Kong in quanto fondatore di Mandarin Capital Partner, un fondo d’investimenti con sede nell'ex colonia britannica oltre a Milano, Lugano e Francoforte.

Per il momento la risposta ufficiale del Lse Group all’offerta annunciata da Hkec è piuttosto fredda: in una nota il gestore ha confermato di aver ricevuto la proposta e di volerla valutare, ma ribadisce al tempo stesso di voler continuare a procedere con l’operazione su Refinitiv, il cui stop è invece ritenuto dall’operatore di Hong Kong una precondizione perché l’offerta sia valida. Pechino riuscirà nel suo affondo o prevarranno considerazioni di carattere strategico-nazionale? La risposta non dovrebbe tardare a giungere.

Intanto, contattato da Affari, il Ceo di Borsa Italiana del gruppo Lse, Raffaele Jerusalmi risponde: "Nessun commento su questa vicenda".

 

Commenti
    Tags:
    borseborsa hong kongpiazza affaririsiko borseofferta hong kong per london stock exchange
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Bill Gates supera Jeff Bezos E' la persona più ricca del pianeta

    Al terzo posto il magnate francese Bernard Arnault

    Bill Gates supera Jeff Bezos
    E' la persona più ricca del pianeta


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari Dolcevita, il ritorno nel mondo delle coupè 2+2

    Ferrari Dolcevita, il ritorno nel mondo delle coupè 2+2

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.