A- A+
Economia
I dazi di Trump preoccupano alcune tra le principali famiglia del capitalismo


Mercati col fiato sospeso in attesa di capire se Cina ed Unione europea controbatteranno colpo su colpo ai dazi di Trump o se, almeno in Europa, vi siano spazi per trovare un'intesa concedendo qualcosa al presidente americano, in cerca di un risultato spendibile in chiave elettorale in ottobre, ma salvando nella sostanza i rapporti commerciali tra le due sponde dell'Atlantico, come ha già efficacemente sintetizzato Karl Rove sul Wall Street Journal.

Un'ipotesi quest'ultima che non dispiace ad Alessandro Fugnoli, strategist di Kairos Partner, secondo cui "i margini per trovare un accordo ci sono tutti: l'Europa è più protezionista dell'America sulle auto ma è vero il contrario sui camion e sui Suv. Ad abbassare i dazi su tutta la linea ci saranno sicuramente dei perdenti, ma nel complesso i danni saranno inferiori rispetto alla chiusura dei mercati". Anzi secondo Fugnoli un accordo con l'America, "che richiederà comunque ancora del tempo", sarebbe un grande tonico per i titoli ciclici europei "e potrebbe regalare un recupero del 5% alle borse".

Ma quali sono le grandi famiglie del capitalismo italiano maggiormente esposte al rischio/opportunità rappresentato dall'attuale braccio di ferro commerciale tra Usa ed Europa? L'export italiano verso gli Usa pesa circa 37 miliardi di euro l'anno (il 2,17% del Pil nel 2017), con alcune grandi e medie aziende maggiormente esposte di altre. Nei trasporti più che gli eredi Agnelli, che grazie alla lungimiranza di Sergio Marchionne hanno saputo costruire una robusta testa di ponte negli Usa rilevando e risanando Chrysler (che ha portato in dote il marchio Jeep) qualche grattacapo potrebbe avercelo Sergio Colaninno, visto che la sua Piaggio, controllata con oltre il 53% del capitale, negli States ha una quota del 19% nel mercato degli scooter, un mercato peraltro in calo ormai ininterrotto dal 2012.

Nell'automotive a rischio appaiono anche i produttori di componentistica, ma non Alberto Bombassei che con la sua Brembo è già presente con tre impianti a Plymouth, Homer (entrambi nel Michigan) e Mooresville (Carolina del sud), dove lavorano in tutto quasi 700 dipendenti, così come nel settore dell'acciaio potrebbero addirittura trarre qualche beneficio i Rocca, dato che Tenaris già nel 2012 annunciò un investimento da 1,8 miliardi di dollari per l'impianto produttivo da 600 mila tonnellate di capacità annua di Bay City (in Texas), entrato in produzione nell'ottobre dell'anno passato, o i Buzzi (Buzzi Unicem), a loro volta presenti negli Usa già da anni con otto impianti per una capacità produttiva di 10,2 milioni di tonnellate/anno corrispondenti a una quota di mercato del 9%.

Tags:
trumpdaziagnellibombasseiroccabuzzilunellioscar farinettisergio colaninno

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.