A- A+
Economia
Russiagate, ecco chi lo teme in Borsa: Buzzi, Autogrill, Brembo e Stm

Per loro natura, i mercati vedono contemporaneamente in azione compratori e venditori: quelli azionari non fanno eccezione, anche se siamo abituati a dire che le vendite (o gli acquisti) hanno prevalso in giornate di forte ribasso (o rialzo) degli indici. Naturalmente chi compra e chi vende ha visioni opposte sul futuro andamento dei beni (titoli, bond, materie prime, valute e così via) che sta trattando: ieri, in particolare, coloro che da qualche tempo temevano se dopo sette anni di crescita economica e di rialzi di borsa non fosse il caso di uscire sembrano avere trovato una conferma nell’ennesimo scandalo che ha coinvolto l’amministrazione Trump e che potrebbe, secondo alcuni, sfociare addirittura in una procedura di impeachment.

Directa intermedia oltre 21 miliardi di euro nel 2016

 

Se sia così o se sia solo il pretesto per prendere profitto e lasciare il posto a chi finora non era (o era poco) investito e si chiedeva sempre più spesso se e quando fosse il caso di entrare è impossibile dirlo, fatto sta che il rischio che Donald Trump non sia in grado di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale relativamente a un taglio delle tasse sugli utili societari e ad un rilancio degli investimenti infrastrutturali e la sensazione che la Federal Reserve intenda comunque proseguire con la sua graduale “normalizzazione” sono due elementi di una miscela tossica per i mercati.

Così le quotazioni sono tornate a calare non solo a Wall Street, ma anche in Asia e in Europa, trascinate al ribasso da quei titoli che maggiormente avevano beneficiato, dallo scorso novembre, dell’elezione di Trump e delle attese che questa aveva suscitato e che ora, per lo stesso motivo, rischiano di perdere maggiormente terreno. Di chi si tratta? Anzitutto dei titoli finanziari: se Bank of America ha perso ieri il 6%, in molti scommettono che potrebbe calare di un ulteriore 10%-20% prima di tornare su quotazioni ritenute “corrette” dagli investitori. In Italia stamane cali tra i due e i tre punti percentuali abbondano e colpiscono, tra gli altri, Unicredit, Ubi Banca e Bper Banca. Ma in Italia ad essere esposti verso gli Usa sono soprattutto titoli industriali come Buzzi Unicem (-6% ieri, in calo di un altro 2,5% stamane), su cui gli investitori scommettevano in vista di una crescita dei risultati della controllata statunitense.

(Segue...)

Tags:
russiagatedonald trumppiazza affarititoli donald trump borsa italianaeffetto trump a piazza affari

in vetrina
Grande Fratello 2018, ALESSIA PRETE MALORE: ECCO COME STA. Gf 2018 news

Grande Fratello 2018, ALESSIA PRETE MALORE: ECCO COME STA. Gf 2018 news

i più visti
in evidenza
Un lavoro su 5 non esisterà più Il mondo del lavoro tra 5 anni

Economia

Un lavoro su 5 non esisterà più
Il mondo del lavoro tra 5 anni

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Auto China 2018, debutta l'Alfa Romeo Stelvio "Quadrifoglio"

Auto China 2018, debutta l'Alfa Romeo Stelvio "Quadrifoglio"

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.