A- A+
Economia
UniCredit alla guerra con Facebook. Mustier apre il dossier acquisizioni

UniCredit in gran spolvero a Piazza Affari, dopo l’annuncio dei dati del secondo trimestre dell’anno (utile netto di 1 miliardo, ricavi totali per 4,9 miliardi, margine d’interessi di 2,7 miliardi), apparsi “di buona qualità” per Equita Sim e caratterizzati da “forti trend operativi” come aggiungono gli analisti di Keefe, Bruyette & Woods e grazie alle parole del Ceo Jean-Pierre Mustier su possili dismissioni e acquisizioni future.

unicredit
 

Mustier, dopo aver confermato che l’istituto è in grado di raggiungere tutti i target 2018 e 2019 se lo spread Btp-Bund (costato uno 0,30% di Cet1, calato al 12,51% a fine trimestre) si manterrà sui livelli attuali, ha fatto notare che il piano attuale, in scadenza a fine 2019, è basato unicamente su ipotesi di crescita organica (vista la priorità data al contenimento dei costi e alla pulizia di bilancio, ndr), mentre il prossimo potrebbe anche considerare una crescita per linee esterne, ossia tramite fusioni e acquisizioni, un argomento sinora considerato “taboo”.

Mustier ha precisato anche che da qui alla fine del prossimo anno il gruppo non cederà altri asset operativi come Yapi Credi, su cui pure erano circolati ripetute indiscrezioni circa una possibile vendita, mentre potrebbero essere ceduti immobili o partecipazioni classificate come “finanziarie”. Guarda caso quella in Mediobanca, di cui Unicredit è primo socio con l’8,4%, è appunto classificata come partecipazione finanziaria, ma su Piazzetta Cuccia (che a settembre vedrà aprirsi una finestra per lo scioglimento anticipato del patto di sindacato, altrimenti destinato a scadere alla fine del prossimo anno) Mustier non ha proferito parola.

Jean Pierre Mustier (1)
 

Quanto alla potenziali future prede il manager non ha fatto ovviamente alcun nome, ma ha precisato che le probabilità di assistere ad una fusione transnazionale nei mesi a venir “sono molto basse, quindi non trattenete il respiro nell’attesa”. “Ce ne saranno davvero molto poche”, ha poi concluso, segnalando come “riguarderanno per lo più istituti di piccola taglia”.

Se così fosse ogni ipotesi di nozze in salsa francese con Societe Generale, gruppo di cui per anni lo stesso Mustier fu uno dei top manager, andrebbe archiviata. Posto che anche l’eventuale acquisizione di Commerzbank (la cui trimestrale, al contrario di quella di Unicredit, è apparsa nuovamente deludente, evidenziando il sussistere di una situazione problematica) era stata definita “non nei piani” nei mesi scorsi in alcune interviste sulla stampa tedesca, le potenziali prede di Mustier sembrano necessariamente dover essere italiane.

(Segue...)

Tags:
unicreditconference call unicreditjean-pierre mustierfacebookmediobancacommerzbanksocietegenerale

i più visti
in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche: addio al Diesel

Porsche: addio al Diesel

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.