A- A+
MediaTech
Allarme sicurezza Pc, Apple conferma: "Sono a rischio tutti i Mac"

Il gigante informatico Apple ha confermato che le falle nella sicurezza rilevate recentemente nei microchip installati in milioni di computer in tutto il mondo interessano anche i loro dispositivi, e che comunque stanno gia' lavorando a come porre rimedio alla situazione.

Con una nota ufficiale, Apple ha dichiarato che tutti i sistemi e i dispositivi Mac sono esposti a queste falle di sicurezza, "anche se non ci risultano attacchi che stanno interessando i nostri clienti in questo momento." Apple ha spiegato che iOS 11.2, macOS 10.13.2 e tvOS 11.2 dispongono gia' di protezioni disponibili e che nei prossimi giorni continueranno a fornire 'patch' per coprire l'intera gamma di prodotti.

La conferma di Apple arriva dopo che Intel, al centro della polemica, ha affermato che questo problema di sicurezza coinvolge diversi fornitori e non solo loro. Intel ha intanto replicato a quanto riferito dalla rivista digitale britannica "The Register", che nei giorni scorsi ha denunciato una falla che potrebbe esporre i computer all'attivita' di criminali informatici. Nella sua nota, Intel ha sostenuto che, secondo gli studi effettuati negli ultimi mesi da diverse aziende, "molti tipi di dispositivi informatici - con processori e sistemi operativi di molti fornitori diversi - rischiano di essere interessati da queste vulnerabilita'".

Secondo la BBC, sono stati rilevati due "difetti": Spectre e Meltdown. Meltdown colpisce laptop, desktop e server internet con microchip Intel, mentre Spectre potrebbe esse piu' micidiale con i chip in smartphone, tablet e computer con processori Intel, ARM e AMD.

"Intel e' impegnata a fornire la massima sicurezza ai propri prodotti e clienti e sta lavorando a stretto contatto con molte altre aziende tecnologiche - tra cui AMD, ARM Holdings e diversi fornitori di sistemi operativi - per sviluppare un meccanismo e risolvere il problema in tutto il settore. in modo rapido e costruttivo ". La societa' con sede a Santa Clara, in Usa, ha gia' iniziato a "fornire aggiornamenti software e firmware (software interno) per ridurre al minimo queste vulnerabilita'".

Inoltre, contrariamente a quanto emerso dalle prime prime notizie, secondo cui gli aggiornamenti avrebbero rallentato i computer fino al 30%, Intel ha affermato che "qualsiasi impatto sulle prestazioni dipendera' dal carico di lavoro che viene eseguito" e che comunque, per l'utente medio, questo impatto "non dovrebbe essere considerevole e verra' mitigato nel tempo"

Tags:
applemeciossicurezza pc
in vetrina
Avvocatesse in toga posano per calendario benefico. Ma sui social è polemica

Avvocatesse in toga posano per calendario benefico. Ma sui social è polemica

i più visti
in evidenza
Viaggi accessibili per il mondo In carrozzina da Torino a...

L'idea dei giovani Danilo e Luca

Viaggi accessibili per il mondo
In carrozzina da Torino a...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuovo Renault kadjar, il SUV dallo stile deciso

Nuovo Renault kadjar, il SUV dallo stile deciso

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.