A- A+
Milano
Economia circolare, imprese più attente all’ambiente in Lombardia

Economia circolare, imprese più attente all’ambiente in Lombardia

Riduzione dei costi e risparmio di energia, incremento della competitività e della riconoscibilità, miglioramento del proprio posizionamento sul mercato o inserimento in nuovi mercati, benefici per l’ambiente e per la salute, creazione di posti di lavoro a livello locale: questi i principali vantaggi per le imprese che applicano l’economia circolare a tutte le fasi della produzione. Dall’approvvigionamento delle materie prime alla progettazione di un prodotto o servizio che riduca al minimo l'impatto ambientale nel suo intero ciclo di vita, dal recupero degli scarti di produzione alla modifica delle strategie di business di distribuzione e del materiale del packaging: in tutte le fasi è possibile applicare i principi di circolarità.

RI-ECCO è il progetto di promozione dell’economia circolare della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, realizzato in collaborazione con l'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa: offre gratuitamente un percorso tecnico-scientifico di affiancamento alle PMI verso l’economia circolare, per aiutarle nella definizione di strategie di miglioramento. Il percorso prevede tre fasi: la prima già avviata di coinvolgimento delle imprese del territorio in incontri informativi, la seconda con l’organizzazione di tavoli di lavoro, la terza con un supporto individuale e un checkup dei bisogni specifici di ogni singola azienda. Le imprese coinvolte in questa fase appartengono in particolare a 3 settori del manifatturiero: fabbricazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche, industria meccanica e industria del legno. 

Aumenta il riciclo del legno in Lombardia

Dagli ultimi dati disponibili risulta che l’industria del legno in Lombardia ha ridotto negli ultimi anni la quantità di rifiuti prodotta: in particolare, i rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone sono passati in due anni da circa 430 mila a 387 mila tonnellate, -10% (dati 2016 e 2014). Cresce anche la raccolta differenziata urbana di legno: +11,4% in Lombardia dal 2015 al 2017 pari a 195 mila tonnellate, un quinto del totale italiano. La maggior quantità a Milano (50 mila tonnellate, +4,4%). In forte crescita Brescia e Mantova (+19%). Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati ISPRA. Martedì 12 marzo seminario formativo in Camera di commercio su: “Gli strumenti di misurazione dell’economia circolare” a Palazzo Giureconsulti dalle 9,30 alle 13. Obiettivo dell’incontro: far conoscere alle imprese gli strumenti per misurare la propria performance di circolarità, fornendo indicazioni operative da applicare nei singoli cicli produttivi e su come mappare le opportunità inesplorate di miglioramento, perseguendo benefici in termini di efficienza e competitività. Organizzato dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, con i professori e ricercatori universitari dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. 

Imprese sempre più green 

Dalla raccolta dei rifiuti alla progettazione ingegneristica, dalla consulenza tecnica alla riproduzione di piante, dal controllo di qualità alla ricerca nelle scienze naturali: sono circa 55 mila le imprese dei settori green, +28% in cinque anni e +3,7% in un anno e impiegano 446 mila addetti e un fatturato di 200 miliardi. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese 2018, 2017 e 2012. Un settore trainato dai grandi centri: Milano con 4 mila imprese, Roma con 3 mila, Torino con 2 mila. Un totale di 10 mila imprese coinvolte su 55 mila in Italia. In un anno sono aumentate del +3,6% e in cinque del +23%. Attività più diffuse a Milano (4 mila), Brescia e Bergamo (oltre mille), seguono Varese e Monza con oltre seicento. Un settore che conta 44 mila addetti a Milano, su quasi 84 mila in Lombardia. Circa 10 mila gli addetti a Brescia, Bergamo e Monza. In regione un addetto su cinque in Italia e circa 50 miliardi di fatturato. A Milano un business da circa 35 miliardi, a Brescia e Bergamo da 3, a Varese 2 e a Monza 1. “In un’ottica di sviluppo sostenibile l’attenzione all’ambiente e l’adozione consapevole di un modello economico alternativo che sappia sfruttare al meglio le potenzialità dell’economia circolare potranno diventare sempre più fattori di competitività per il mondo produttivo del nostro territorio – ha dichiarato Guido Bardelli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi -. Questo percorso informativo e formativo che abbiamo avviato ha l’obiettivo di affiancare e supportare le imprese che intendono massimizzare la propria circolarità tramite strumenti quali per esempio, l’applicazione dell’eco-design, il riciclo e il riutilizzo dei materiali”.

Commenti
    Tags:
    economia circolare










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Libreria Bocca. Andrea Zoppolato presenta il libro Milano Città Stato il 29-1
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Nessun Brexodus, la migrazione è verso Londra
    di Bepi Pezzulli
    CARO AMMINISTRATORE.....FAI ATTENZIONE AL "CONTROLLO DI GESTIONE"
    di Angelo Andriulo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.