A- A+
Milano
Elezioni politiche, candidati: Pagliuca vs Mirabelli. Sfida doppia al Senato
Luigi Pagliuca e Franco Mirabelli

di Fabio Massa

LUIGI PAGLIUCA (FORZA ITALIA)

Luigi Pagliuca è un commercialista ed è un consigliere comunale di Milano. Ma soprattutto è candidato per Forza Italia al Senato contro Tommaso Cerno, l'ex condirettore di Repubblica, paracadutato su Milano dal Partito Democratico. In un'intervista ad Affaritaliani.it Milano spara forte proprio sull'appartenenza territoriale. "Io sono di Milano, ho vissuto e lavorato tanto a Milano. Sono consigliere comunale e ho avuto anche una esperienza come consigliere regionale. Il mio competitor è di Udine, trasferitosi a Roma e che viene a Milano solo per il tempo per le elezioni".

E quindi?
Ma un politico, quando viene eletto in un territorio, dovrebbe garantire la sua esperienza e la sua presenza sul territorio. Uno che vive a Udine e lavora a Roma, di Milano se ne frega.

Cerno è persona abbastanza nota. Lei è un candidato del territorio. Stupito che abbiano voluto lei per questa sfida?
Hanno voluto premiare il lavoro, credo. Anche perché c'è un orientamento molto trasversale, non solo su Milano, per dare spazio agli imprenditori e ai professionisti. I professionisti sono persone abituate a risolvere i problemi.

Beh, anche i giornalisti possono essere professionisti.
Certo! I giornalisti hanno il compito del controllore. E sono molto importanti. Dopodiché, da professionista, tutti i giorni io cerco di risolvere problemi. Mettiamola così...

Prego.
Ogni singola persona fa politica quando paga le tasse. Le tasse servono a pagare un sistema che - a livello politico - è efficiente se torna indietro in qualità tanto quanto è stato versato. Io ritengo di poterlo assicurare, tutto questo. Io nel mio piccolo ho una esperienza consolidata non solo da politico: sono stato il più giovane presidente dell'ordine dei commercialisti di Milano, sono tra i più giovani presidenti della cassa dei commercialisti. E da presidente della cassa ho ritenuto di far sviluppare quello che è stato chiamato "percorso professionalizzante": in pratica alla mattina i ragazzi frequentano gli studi dei professionisti, il pomeriggio le università telematiche. I vantaggi sono enormi, perché i ragazzi hanno subito l'applicazione della parte teorica che apprendono dai professori.

E' una proposta concreta.
Assolutamente sì. Ma non c'è solo questo, ci sono anche quelli che per vari motivi escono dal mondo del lavoro a 45 o 50 anni. Per loro bisognerebbe fare un provvedimento di decontribuzione che così potrebbe facilitare il raggiungimento di un nuovo impiego.

-------------------------

FRANCO MIRABELLI (PARTITO DEMOCRATICO)

Franco Mirabelli, senatore del Partito Democratico, è candidato nel proporzionale di Milano. Ad Affaritaliani.it Milano spiega: "Si è alimentata negli anni la narrazione che il Paese è disperato, è in declino. Ma non è così".

E allora, com'è? Tutto bene?
Non tutto bene. Però iniziamo a dire che nei mercati, parlando con la gente, c'è un paradosso verificabile in pochi minuti. Se uno chiede alle persone se la loro vita è migliorata tra il 2013 e oggi, tutti dicono di sì. Se invece chiedi loro se la società, se la collettività è migliorata, allora ti dicono di no. Insomma per loro il Paese è peggiorato, le vita singole sono migliorate.

Come se lo spiega?
In questi anni hanno lavorato forze che hanno alimentato questa idea. Questo produce anche insicurezza, rancori, difficoltà. Però rispetto a quello che si dice, il clima non è negativo e migliora spiegando le cose che abbiamo fatto, che danno credibilità alle proposte che facciamo. Sono fiducioso: la gente non dà credito ad altre proposte politiche che non siano le nostre. Quello che mi preoccupa è l'astensionismo.

Quindi Milano premierà ancora una volta l'offerta del Pd renziano?
Milano premierà ancora una volta il Partito Democratico che ha governato questo Paese investendo sul futuro. Rimettendo l'economia nelle condizioni di competere. La nostra realtà è quella che più è competitiva sullo scenario internazionale, e premiare il lavoro fatto in questa direzione.

Però a livello di narrazione, c'è da recuperare terreno. Quale potrebbe essere la strategia?
Quella di raccontare le cose che hanno fatto i governi a guida Pd e i risultati che hanno raggiunto, senza enfasi, senza commettere l'errore di dare l'idea che pensiamo di aver risolto tutti i problemi del Paese. Perché i problemi del Paese sono tutti là, ma noi in questi anni abbiamo dimostrato di saper mettere in campo soluzioni e i dati ci dicono che queste soluzioni hanno prodotto miglioramenti. Per questo è importante continuare questo percorso di riforme e non interromperlo, proprio per fare in modo che la ripresa economica si traduca in benefici per le persone, soprattutto più deboli. Non posso non ricordare che la disoccupazione è diminuita grazie all'azione del governo, che la povertà è alta ma che abbiamo fatto una legge contro la povertà e che i dati sull'economia, l'industria e l'export ci dicono che questo Paese ha cominciato a riprendersi. Il governo Gentiloni è l'esempio più riconosciuto di questo percorso che dà credibilità alla nostra azione di governo ed è la risposta di governo a chi i problemi li vuole cavalcare anziché risolverli.

Secondo lei le regionali sono ancora una gara aperta?
Giorgio Gori ha la possibilità dopo 23 anni di vincere in Regione Lombardia. Mi pare che in questi mesi abbia conquistato molti consensi. C'è una differenza enorme tra lui e Fontana, in termini di competenza, conoscenza dei problemi, elaborazione delle proposte, e soprattutto i sono convinto che Gori sarà premiato nelle grandi città ma ha fatto un lavoro importante anche sui piccoli centri e là non ci sarà il divario che l'altra volta ci ha condannato alla sconfitta elettorale.

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
elezioni politiche 2018elezioni 2018franco mirabelliluigi pagliuca


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Dalla Rai ai rom, i censimenti di Di Maio e Salvini non valgono il cambiamento
di Ernesto Vergani
Rom, ribadire l'ovvio può giovare: se italiani, stessi diritti e doveri
di Di Diego Fusaro
Stadio Roma, il ruolo di Lanzalone punto debole nell'inchiesta
di Maurizio Tortorella

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.