A- A+
Milano
Expo, Sala scelga la prescrizione. E se ne freghi delle conseguenze
Beppe Sala

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

Oggi parliamo di Beppe Sala, speriamo per l'ultima volta su questo argomento. Il sindaco di Milano è stato condannato con assoluzione per la questione Expo. Mi spiego. E' stato condannato dal Tribunale, mesi fa, perché si è accertato che ha firmato due documenti sapendo che erano stati retrodatati, e dunque sapendo di commettere un falso. Ma lo ha fatto - e in questo sta l'assoluzione morale del Tribunale - non per avvantaggiare l'uno o l'altro o per trarne vantaggio per sé, ma solo e unicamente perché altrimenti Expo non si sarebbe fatta. Fin qui, come si dice, i fatti. Ovvero cose che sono scritte nere su bianco. Ora c'è il futuro. Sala ha fatto sapere di ricorrere in appello, ma a novembre c'è la prescrizione per quel reato, e dunque c'è da scegliere se rinunciare alla prescrizione e fare il processo oppure lasciare che la legge faccia il suo corso e chiudere definitivamente la questione. La scelta non è da poco, perché in base a questa scelta i cittadini, i lettori, gli ascoltatori avranno due narrazioni. La prima, se sceglie il processo e dunque rinuncia alla prescrizione: Beppe Sala ancora alla sbarra per Expo, Beppe Sala ancora a giudizio. Un'altra requisitoria finale, un'altra sentenza. Altri titoli sui giornali e il concetto che si consolida: Sala ha ladrato su Expo (anche se questo non è vero). Se invece sceglie la prescrizione, il lettore e ascoltatore avrà questa narrazione: Sala aveva qualcosa da nascondere e quindi ha fatto finire in prescrizione il processo. Capite che c'è qualcosa di malato, in questo? Io fossi Sala sceglierei la prescrizione e lo direi chiaro: basta intasare i tribunali con beghe politiche. Sono stato giudicato, mi hanno condannato ma di fatto assolto, non rompete più le palle. Ecco, così. Non una parola in più, non una in meno. Per una volta, fregandomene delle conseguenze.

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    expo milanoexpo sala indagatoexpo sala condannatosala expo milanosala expo condannasala expo 2015salabeppe sala

    Regione Lombardia Video News









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    La geopolitica di Macron, Brexit il kick-off all'autonomia strategica UE
    di Bepi Pezzulli
    CHI HA TEMPO NON ASPETTI TEMPO
    di Angelo Andriulo
    Venezia,emblema della fragilità italica. Ma nell'estremo esce il meglio di noi
    di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.