A- A+
Milano
Aggressione a Bettarini jr., il Riesame: resta in cella Albano Jakej

Aggressione a Bettarini jr., il Riesame: resta in cella Albano Jakej

Resta in carcere Albano Jakej, uno dei quattro giovani finiti in cella per il tentato omicidio a calci, pugni e coltellate di Niccolo' Bettarini, figlio di 19 anni di Stefano Bettarini e Simona Ventura, avvenuto lo scorso 1 luglio davanti alla discoteca 'Old Fashion', a Milano. Lo ha deciso ieri il Tribunale del Riesame che ha rigettato l'istanza di revoca della misura della custodia cautelare presentata dal difensore del ragazzo italiano di origine albanese, l'avvocato Daniele Barelli. Il legale aveva sostenuto davanti ai giudici che il suo assistito non aveva partecipato "ad alcuna aggressione con l'intenzione di uccidere, ma al massimo ad una rissa". Tesi che pero' e' stata respinta dal collegio presieduto da Luigi Varanelli.

Aggressione a Bettarini jr., il Riesame: resta in cella un sospoettato


Secondo le indagini coordinate dal pm Elio Ramondini e condotte dalla Squadra Mobile, e in particolare dalle testimonianze anche dello stesso Bettarini, Jakej sarebbe stato colui che avrebbe detto al 19enne "sei il figlio di Bettarini, ti ammazziamo", prima dell'aggressione. Circostanza questa, pero', negata dal 23enne il quale, tra l'altro, stando alla sua difesa, quel giorno avrebbe avuto anche una fasciatura perche' si era fatto male alla spalla in precedenza e, dunque, non sarebbe stato in condizioni fisiche tali da partecipare ad un tentato omicidio. Ora per Jakej, a San Vittore con l'accusa di tentato omicidio cosi' come Davide Caddeo, che avrebbe materialmente sferrato le otto coltellate, e Alessandro Ferzoco e Andi Arapi si profila per i prossimi giorni la richiesta di giudizio immediato da parte della Procura. Richiesta su cui dovra' decidere il gip Stefania Pepe, lo stesso giudice che aveva disposto il carcere nei giorni successivi l'accoltellamento di Bettarini jr sostenendo che gli indagati si erano "certamente" prefigurati che quel pestaggio e quei fendenti in "parti vitali" con una lama da 20 centimetri "avrebbero comunque potuto produrre conseguenze mortali", anche in considerazione della "loro superiorita' numerica e della violenza della loro azione".

Tags:
ferito figlio venturariesameresta in cellaniccolo' bettarininiccolo' bettarini aggredito











A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Business Roundtable promuove negli Usa una nuova visione aziendale
di Paolo Brambilla - Trendiest
Governo, Di Maio a cena con Zingaretti: il conto (salato) lo pagano gli italiani
di Diego Fusaro
Governo, la quadra per evitare il voto: Di Maio premier, Salvini Interni e...


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.