A- A+
Milano
Gran Premio di Monza, dalla Regione i 20 milioni per salvarlo

Buone notizie per il Gran Premio di Formula Uno di Monza. Fabrizio Sala, assessore alla casa e a Expo, dice: "Accolgo con grande soddisfazione la notizia del passaggio in Senato dell'emendamento sulla neutralizzazione fiscale per il parco di Monza. In questo modo, la Regione Lombardia può finalmente entrare nel comparto parco/autodromo, mettendo gli annunciati 20 milioni di euro, salvando così il futuro del gran premio".

Sala aggiunge: "Su mandato del presidente Roberto Maroni,  mi sono immediatamente attivato, ho gia' contattato il presidente della Sias, Andrea Dell'Orto, e nei prossimi giorni mi incontrero' con i sindaci dei Comuni di Milano e di Monza per cominciare a definire i dettagli dell'ingresso della Regione Lombardia nel comparto del parco/autodromo di Monza. Lavoreremo tutto il mese di agosto in modo da presentarci a settembre, all'appuntamento con il Gran Premio, con tutto definito e pronto per poter cosi' salvare il GP di Formula 1".

"Finalmente in Senato e' passato l'emendamento sulla neutralizzazione fiscale e adesso si apre concretamente la prospettiva dell'ingresso della Regione Lombardia nel parco di Monza con un investimento esente da imposte". A dirlo e' il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, commentando la possibilita' per la Regione di entrare nel parco di Monza. A margine dei lavori del Consiglio regionale, Maroni ha affermato che si tratta di "una buona notizia, perche' queste risorse aggiuntive consentiranno di chiudere la trattativa con Ecclestone e salvare il Gp di Monza. Tutto questo deve essere fatto entro il gran premio, dunque entro i primi di settembre. Ma possiamo farcela. Domani o dopo domani incontrero' il presidente Sias, Dall'Orto, e poi sentiro' i sindaci di Monza e Milano per chiudere l'accordo entro fine agosto ed essere pronti quando arrivera' il gran premio, pronti a vincerlo, perche' Monza e' Monza".

Soddisfazione anche da parte dell'assessore allo Sport e alle Politiche giovanili, Antonio Rossi, per il salvataggio del Gran Premio d'Italia a Monza. "La Formula 1 non esiste senza questa gara che fa parte della storia dell'automobilismo. Lasciarla scappare sarebbe stata una follia, un danno irreparabile per il nostro Paese e per la Formula 1", ha dichiarato Rossi dopo l'approvazione nel Dl Enti locali di un emendamento in commissione Bilancio al Senato per la sopravvivenza dell'autodromo di Monza. Rossi ha anche ringraziato il governatore Roberto Maroni per aver stanziato il denaro necessario al salvataggio, i parlamentari che si sono impegnati per presentare l'emendamento e l'assessore Sala per il suo impegno. "Ci abbiamo creduto, ora possiamo salvarlo".

Tags:
gran premio di monzafabrizio salaroberto maroni









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Milano. Eleganza e musica sono di casa al The Singer Music Restaurant
di Paolo Brambilla - Trendiest
Conte e il nuovo umanesimo: per il premier è il momento del suo partito
di Diego Fusaro
Milano Vapore. Prosegue impegno su cultura e politica con convegno e concerto
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.