I Hate Milano

di Mister Milano

A- A+
I Hate Milano
Peppino e i militari in piazza. Dove è la Milano progressista? I HATE
Giuseppe Sala in versione “Bastardi senza gloria”

Se c’è un simbolo della Milano di De Corato, quella Milano contro cui, alle elezioni di qualche mese fa, è stata scatenata una Guerra Santa, sono proprio i militari mandati a pattugliare le strade. La Milano progressista, in tutto il suo variopinto universo, ha infatti sostenuto da sempre che sicurezza non vuol dire militarizzazione, che la Cultura, gli eventi, insomma, la partecipazione sono l'antidoto migliore al degrado.

Eppure è bastato un accoltellamento in via Padova per far indossare la mimetica al Sindaco Peppino che ha promesso l'arrivo delle Truppe Alleate per difendere via Padova, un quartiere "ormai fuori controllo". La sua parola d'ordine, in campagna elettorale, era "periferie, periferie, periferie". E' dunque questa la sua rivoluzionaria proposta per le periferie? E' questa la Milano che aveva in mente? E' questo quello che le periferie si meritano?

Noi eravamo rimasti che via Padova era NoLO - Nord di Loreto - un quartiere multietnico in piena "gentrificazione". Scopriamo ora che si tratta invece di un pericolosissimo territorio di confine dove spedire l'esercito. E scopriamo anche, per la seconda volta, che viene messo in scena lo stesso spettacolo. Anche nel 2011 Pisapia fece una campagna tutta improntata alla Cultura e rivitalizzazione delle periferie tramite essa: peccato che l'anno successivo, nel 2012, arrivarono i soldati.

Ora la storia si ripete: pochi mesi dopo la chiamata alle armi contro le terribili forze del male tutte ordine e distintivo, ecco l'arrivo dei militari, ecco la messa in pratica della medesima logica. Stavolta però è diverso, perché stavolta a far la differenza sono stati 17 mila voti pescati tra uomini e donne sinceramente di sinistra, la cui idea di città e periferia non ha nulla a che vedere coi soldati armi alla mano agli angoli delle strade.

15058503 10155524958420550 179763708 nGiuseppe Sala in versione “Bastardi senza gloria”
 

Vorremmo quindi sapere l'opinione di Limonta, di Luca Gibillini, e già che ci siamo della famosa "Squadra", quella che - come da video del Terzo Segreto Di Satira - dovrebbe "vigilare". Che ne pensa, per esempio, l'Assessore Majorino di questa (ennesima) svolta? La ritiene coerente con l'idea di città che lui ha in mente? Si riconosce nell'immagine dei mitra di fianco ai passeggini?

Quanto al Sindaco Peppino, ci permettiamo di dargli un consiglio. Se, tra un selfie e l'altro, ha voglia di un po' di azione, gli suggeriamo di togliersi la mimetica e indossare la tuta blu, e lavorare per risolvere un VERO problema delle periferie, ovvero il Ponte degli Artisti di Porta Genova: la città di Expo, con i padiglioni sono stati tirati su a tempo record, non merita una fine così kafkiana di uno dei suoi centri nevralgici. E se gli serve una mano, può sempre chiedere aiuto ai soldati.

Tags:
militari milanoesercito milanoaccoltellamento via padova

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Premiato alla Bocconi il Gruppo italiano Epta, leader nella refrigerazione
di Paolo Brambilla - Trendiest
Il Nord che teme la meridionalizzazione del Paese
di Ernesto Vergani
La comunicazione nel canto e del corpo: 3 cose da sapere
di Giancarlo Genise

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.