A- A+
Milano
Siria: ritrovato bambino di madre foreign fighters, torna in Italia

Siria: ritrovato bambino di madre foreign fighters, torna in Italia

Un bambino albanese, sequestrato nel 2014 all'eta di 6 anni dalla madre foreign fighters che lo ha portato portato da Barzago (Lecco) in Siria, strappandolo al padre, e' stato ritrovato in un campo profughi e sta tornando in Italia. Una operazione complessa e rischiosa portata a termine dall'Italia, primo Paese che e' riuscito a realizzare un corridoio umanitario dall'inizio della guerra in Siria, grazie al Servizio di cooperazione internazionale di polizia (Scip) e al Ros dei carabinieri, cha ha condotto le indagini. E' la storia di Alvin Berisha, ora undicenne, raccontata dalla trasmissione Le Iene il 16 ottobre scorso. Il bambino e' stato sequestrato e portato via dall'Italia dalla radicalizzatasi via web in Italia e partita per la Siria per unirsi ai combattenti dell'Isis. Le ricerche a livello internazionale hanno portato a localizzare il bambino nel campo profughi di Al Hol, controllato dai curdi, che ospita oltre 70.000 persone, in prevalenza compagne e figli di combattenti jihadisti in prigione. Nel mese di agosto scorso e' stato attivato il Servizio cooperazione internazionale di polizia (Scip) del ministero dell'Interno, che e' il punto di contatto italiano per la cooperazione internazionale di polizia. Lo Scip e il Raggruppamento operativo speciale (Ros) dei Carabinieri - titolare dell'indagine sul sequestro su cui era stato emesso un mandato di arresto europeo a carico della donna per la sottrazione del minore - hanno appreso che la madre del bambino, Salmona Berisha, era morta in Siria durante un combattimento e che Alvin viveva nella cosiddetta "area degli orfani" del campo di Al Hol.

Isis, bambino con la mamma foreign fighter torna a casa dopo un'accurata procedura di controllo

Per accertare l'identita' del bambino, la Polizia scientifica italiana ha effettuato un esame di comparazione fisionomica dando un giudizio di totale compatibilita', anche per una malformazione specifica dell'orecchio destro di Alvin, riferita dal padre. Contemporaneamente, il 10 settembre scorso, su autorizzazione della procura della repubblica di Milano, e' stata diramata in ambito Interpol una 'yellow notice', vale a dire una nota di rintraccio del minore, e il Gip del Tribunale di Milano ha chiesto di ascoltare in modalita' protetta il bambino, una volta in Italia, sui fatti di terrorismo oggetto d'indagine. Lo Scip e' stato quindi impegnato in una delicata partita a scacchi, durante la quale sono stati impegnati anche i ministeri degli Esteri italiano e albanese. Alvin e il padre, Afrimm Berisha, hanno la cittadinanza albanese, pur con regolare permesso di soggiorno italiano, e sono state attivate le autorita' di Tirana per i documenti necessari al trasporto in Italia del piccolo minore, avvenuto attraverso il Libano. Allo stesso tempo, lo Scip ha chiesto l'intervento della Croce Rossa Internazionale, unica ad operare presso il campo Al Hol, che si e' subito attivata con la Mezzaluna Rossa ed e' riuscita ad identificare il bambino e a trasportarlo, grazie alle guarentigie offerte per le operazioni umanitarie, dal campo profughi a Damasco e poi fino al confine della Siria con il Libano. Al confine il bambino e' stato preso in carico da un dirigente della Polizia di Stato dello Scip che, insieme alla Cri, al Ros dei Carabinieri e ad una delegazione del governo albanese, l'ha portato, fino all'ambasciata italiana a Beirut dove partira' alla volta dell'Italia a bordo di un volo.

Alvin verrà sentito da giudici durante processo

Alvin sara' ascoltato in audizione protetta nell'ambito dell'udienza preliminare a carico di Valbona Berisha, la madre che il 17 dicembre del 2014 l'aveva portato via alla famiglia per arruolarlo nel Califfato. La donna e' morta durante un bombardamento e il processo quindi si estinguera' per morte del reo. Al piccolo potrebbe essere chiesto di confermare la scomparsa della mamma. E' quanto si apprende da fonti giudiziarie. Prima ancora, al suo rientro in Italia, sara' sentito dagli inquirenti, coordinati da pm di Milano Alberto Nobili. Nei mesi scorsi, il giudice Guido Salvini, davanti al quale si svolge l'udienza preliminare, aveva delegato al Ros dei carabinieri degli accertamenti per ritrovare la donna. In assenza di notizie aveva deciso di sospendere l'udienza preliminare. Stando alle indagini, Berisha avrebbe messo il figlio di soli sei anni a disposizione della jihad, portandolo con se' in Siria e obbligandolo a frequentare un campo di addestramento per imparare "la lotta corpo a corpo e l'uso delle armi". Secondo la ricostruzione del Ros, Valbona Berisha, che da casalinga si e' trasformata in estremista islamica, e' fuggita abbandonando il marito muratore - che ne ha subito denunciata la scomparsa - e le altre due figlie allora di 10 e 11 anni. Berisha avrebbe avuto contatti con terroristi dell'Isis ad alti livelli e avrebbe raggiunto Al Bab, una localita' a una quarantina di chilometri da Aleppo. Gli inquirenti non hanno avuto piu' informazioni. Il processo era stato 'congelato' in base alla legge del 2014 sulla sospensione dei procedimenti "nei confronti degli irreperibili" che dunque non risultano essere a conoscenza dell'imputazione a proprio carico.

Loading...
Commenti
    Tags:
    alvin isisisisterrorismoforeign fighterforeign fighter italianimamma foreign fighter

    Regione Lombardia Video News










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Le ragioni del proporzionale contro l'emotività del taglio alle poltrone
    di Bepi Pezzulli
    Craxi vittima di un golpe giudiziario: ultimo vero baluardo della sovranità
    di Diego Fusaro
    Claudio Martelli, l’antipatico (vero) si riposa e risposa
    di Maurizio de Caro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.