A- A+
Milano
Tariffe Trenord, scontro maggioranza-opposizione in Regione
Trenord (Foto di Joshua Peli)

Tariffe Trenord, scontro maggioranza-opposizione in Regione

Scontro sulle tariffe Trenord in consiglio regionale, dove la maggioranza ha bocciato la mozione del Pd che chiedeva il mantenimento degli abbonamenti solo treno e rimodulasse l'allineamento delle tariffe, individuando una modalita' piu' favorevole per i pendolari anche alla luce del fatto che nei prossimi mesi lo stesso problema riguardera' gli altri territori della Lombardia.

"Da oggi decine di migliaia di pendolari che prendono solo il treno pagano gli abbonamenti molto di piu' a fronte di un servizio che rimane esattamente lo stesso, con tutti i problemi che conosciamo. Per ora riguardano solo gli utenti delle province di Milano, Monza e Brianza e in parte di Lodi, ma presto gli aumenti varranno per tutti gli altri pendolari lombardi. La verita' e' che la Regione autorizza Trenord a riempire le proprie casse, ma siccome gli utenti giustamente si arrabbiano, l'assessore Terzi e la Lega stanno alzando una cortina di fumo. Inoltre, i rimborsi annunciati da Trenord prevedono una procedura tanto complicata che sembra fatta apposta per scoraggiare i pendolari dal richiederli. Il modo piu' semplice, quello giusto, era mantenere gli abbonamenti solo treno", dichiarano dopo la bocciatura in una nota i consiglieri regionali del Pd Pietro Bussolati e Gigi Ponti.

Questa la replica dell'assessore Maria Claudia Terzi: "L'integrazione parte oggi solo formalmente, perche' in realta' e' partita il 15 luglio scorso su decisione unilaterale del Comune di Milano. Il Comune ha scelto di aumentare da 1,5 a 2 euro il biglietto Atm per fare cassa: lo ha fatto utilizzando il grimaldello dell'integrazione tariffaria che oggi il Pd, dopo aver gridato ai quattro venti quanto fosse salvifica e indispensabile, dice di non volere. Ma l'integrazione senza treno non ha senso. Non si puo' lasciare fuori un attore della mobilita' come Trenord che nel Milanese e Monzese serve 96 stazioni di cui 24 nella citta' di Milano (6 nel passante ferroviario)".

"La Regione - ha aggiunto - e' intervenuta ottenendo da Trenord il rimborso integrale dei rincari per i monomodali. Settimana prossima incontrero' i rappresentanti dei pendolari: siamo disponibili a confrontarci sul regolamento dei rimborsi. Ma ricordo che il sistema deve tutelare davvero i monomodali, quindi una procedura di verifica e' necessaria. Ricordo anche che l'utente puo' presentare i documenti per accedere al meccanismo di rimborso in un'unica occasione, dopodiche' ricevera' il bonifico sul suo conto corrente, senza ulteriori passaggi procedurali". "I problemi comunque nascono dal Comune di Milano che ha pressato l'Agenzia Tpl. Senza la fuga in avanti di Milano - ha concluso Terzi - l'introduzione dell'integrazione tariffaria sarebbe stata piu' armonica e meno difficoltosa. Questa fretta ha indotto l'Agenzia a lavorare male. Il sistema infatti presenta ancora falle inaccettabili. Basti pensare che i nuovi titoli acquistati online per le zone fuori da Milano (MI4-MI9) non aprono i tornelli della metropolitana. O che i servizi bus urbani di 16 Comuni del Milanese e del Monzese sono stati 'dimenticati' dall'Agenzia e, dunque, ancora oggi non risultano inclusi nell'integrazione tariffaria".

Commenti
    Tags:
    tariffe trenordregione lombardia

    Regione Lombardia Video News










    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Finanza innovativa. Il Master AIPB in private banking per giovani neolaureati
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Montagne russe. La politica adrenalinica nell’era dell’incertezza stabilizzata
    di Maurizio de Caro
    Senza sovranità nazionale non esiste democrazia
    di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.