A- A+
Politica
Pd, Zingaretti: "Chi vota Di Maio vota Salvini, sono complici"
LaPresse

Pd, Zingaretti: "Chi vota Di Maio vota Salvini, sono complici"

"Ma stanno litigando? La risposta è no. Di Maio tutti i giorni conferma che la volontà del suo movimento è governare altri 4 anni con Salvini, dice che è una vergogna allearsi con i nazisti in Europa, ed è davvero una vergogna, ma poi gli permette con i suoi voti in Parlamento di fare il ministro dell’Interno. Non sono avversari, sono complici. Chi vota Di Maio vota Salvini". Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, in un'intervista a Repubblica. "E mi permetto di dire che questo governo del contratto, che poteva essere uno strumento credibile, è diventato il governo dell’inciucio e delle poltrone. Pensano soltanto alla spartizione del potere. Il costo democratico ed economico è altissimo. Lo dice Tria: o aumenta l’Iva o tagliano i servizi sociali. Questa è la realtà. Perciò drogano la discussione con i loro litigi", aggiunge, Lega e 5 stelle "sono stati bravi a raccontare e rappresentare i problemi delle persone, ma la novità è che si stanno rivelando incapaci di risolverli. Ed è questo lo spazio dentro il quale noi vogliamo combattere. Il Paese non è governato. L’odio di Salvini non solo è vergognoso ma è inadeguato e non risolve nessun problema. L’odio 
individua un capro espiatorio, ma non crea nemmeno un posto di lavoro".

Pd, Zingaretti: "Non lasciamo alla Chiesa la lotta alla povertà"

"Gesto meraviglioso" secondo il segretario del Pd Nicola Zingaretti quello dell'elemosiniere del Papa che ha riattivato la luce in un palazzo occupato. Un gesto, dice a 'Repubblica' Zingaretti, "figlio dell’insofferenza verso la cultura dell’odio che questo governa emana e promuove. Ma ci sono tanti gesti degli amministratori locali, stanno reagendo anche loro contro questa cultura che è inumana e inaccettabile. E su un altro piano stanno reagendo gli imprenditori del Nord, lo si vedrà presto. Non sopportano, giustamente, l’odio senza sviluppo. La cultura di Salvini non produce lavoro, fatturato, crescita, equità". "Noi - afferma Zingaretti - ci siamo. E lunedì riapriremo il circolo del Pd a Casal Bruciato. Sarà il primo di tanti che apriremo in tutta Italia. I temi della povertà, della disuguaglianza, della crescita richiedono scelte di campo nette". Il segretario Pd sottolinea poi: "Abbiamo ripreso a rafforzare il web. Ma la vicenda delle pagine Facebook chiuse è la riprova che su questo si gioca la democrazia. Il confronto politico della Lega e dei 5 stelle non è sulle idee ma sul falso, sulle fake news e spesso e volentieri su parole calunniose, in modo da alterare la discussione democratica. Loro barano. Noi proveremo a mettere sul web idee e valori". 

Commenti
    Tags:
    pd zingarettipd zingaretti di maiopd zingaretti salvinipd di maio salvinigoverno di maio salvinichiesapovertà
    Loading...
    in evidenza
    CAST, è giallo Loredana Lecciso In Casa la Volpe e... 8 NOMI

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, è giallo Loredana Lecciso
    In Casa la Volpe e... 8 NOMI

    i più visti
    in vetrina
    ALESSIA MARCUZZI: TACCO A SPILLO ROSSO E... LE FOTO DELLE VIP

    ALESSIA MARCUZZI: TACCO A SPILLO ROSSO E... LE FOTO DELLE VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La nuova classificazione dei veicoli elettrici ibridi in Italia

    La nuova classificazione dei veicoli elettrici ibridi in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.