A- A+
Roma
Crollo ponte: ecco ponti e cavalcavia nel Lazio che fanno paura. La denuncia
LaPresse

Ponti e viadotti, se Comune, Regione e entri concessionari vanno a rilenti nei controlli e nei cantieri, il Codacons ormai “un controgoverno”, con l'aiuto dei cittadini e delle loro segnalazioni, stila la mappa delle infrastrutture a rischio. Anzi. Si passa direttamente alla mappa 2.0 nela versione aggiornata.

Scrive il Codacons: “Ora – grazie anche alle segnalazioni arrivate da parte dei cittadini - la lista si arricchisce. Ecco quindi l'elenco aggiornato:

  • Viadotto A12 Roma-Civitavecchia, tra Civitavecchia e S. Marinella

  • Roma, viadotto della Magliana

  • Civitavecchia, Ponte Via Braccianese Caudia

  • Tangenziale viadotto Tiburtina

  • Ponte che da via Pasquale Baffi permette di arrivare a Via di Villa Bonelli (zona Magliana), Roma 

  • Ponte ferroviario che divide Piazza della Radio e via Ettore Rolli, Roma 

  • Ponte Risorgimento, Roma

  • Ponte Flaminio, Roma

L’Associazione chiede il blocco dei mezzi pesanti su questi cavalcavia/viadotti per 30 giorni, così da dare modo ai tecnici di provvedere alle necessarie verifiche sullo stato e la sicurezza della struttura. E impiego del genio militare – non di privati – per realizzare a stretto giro le verifiche necessarie insieme ai gestori, così da minimizzare l’impatto sul traffico.

In questo senso il Codacons ha deciso di diffidare il Prefetto di Roma. A lui, chiamato in causa quale responsabile diretto della sicurezza pubblica, l’Associazione chiede di disporre un blocco “temporaneo” per alleggerire il traffico sui viadotti a rischio: una necessità che s’impone alla luce dei fatti per dar modo di svolgere un’attenta opera di monitoraggio e valutazione del rischio, con disagi minimi per l’economia e il commercio (vista la possibilità per gli autotrasportatori di individuare percorsi alternativi, come accade normalmente allorché i sindaci vietano il passaggio dei TIR nel loro Comune).

Intanto l’Associazione ha chiesto al Ministro dei Trasporti di poter partecipare alle indagini della commissione nominata per la verifica dell’evento tragico e ha designato come propri esperti la geologa Anna Improta e l’ingegner Nello Nazaria.

Il Codacons mette il suo staff legale a disposizione dei cittadini laziali che vogliano segnalare situazioni di ponti e viadotti a rischio. Per contattare l’Associazione basta scrivere all’indirizzo info@codacons.it, o contattare il numero verde 800.582493.


 

Tags:
crollo pontegenovaponticavalcaviaanasautostradegenio civilecodacons


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Miss Teenager, sempre brave e belle: Finale revolution, original e social

Miss Teenager, sempre brave e belle: Finale revolution, original e social

i più visti
i blog di affari
Pace fiscale, un atto civile e di welfare nazionale. Ecco perché
di Alberto De Franceschi
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.