A- A+
Roma
Il Comune M5S prende a schiaffi consumatori e agricoltori bio

Il Comune dorme, chiude il mercato di Campagna Amica al Circo Massimo: prodotti bio addio. Coldiretti e consumatori in protesta.

 

Nessuna proroga per gli operatori del Mercato di Campagna amica, scoppia il dissenso di agricoltori e consumatori di prodotti a km zero. In via di San Teodoro si è interrotta la vendita a causa del “no” del Comune, che ora dovrà pubblicare il bando per l'assegnazione dello stabile che ospita il famers market. A lanciarsi contro l'amministrazione M5S è il presidente della Coldiretti Lazio, David Granieri: “L'amministrazione comunale ci ha sfrattato, interrompendo di fatto un'iniziativa che dal 2009 ha favorito l'economia agricola della Capitale e del Lazio, sostenendo il reddito delle aziende locali e offrendo ai consumatori romani un punto di riferimento settimanale per la spesa agroalimentare di qualità con prodotti coltivati e lavorati sul territorio, tracciati dall'origine, freschi e stagionali. La chiusura del mercato e la mancata concessione della proroga sono uno schiaffo alla città, da oggi più povera e interrompono brutalmente una esperienza di filiera corta da subito apprezzata dai cittadini romani e dai turisti di tutto il mondo che ogni fine settimana, in migliaia, hanno affollato il mercato di San Teodoro".

Al coro di protesta si aggiunge Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio, che dichiara: “Il Comune rivendica di avere operato nel rispetto della legalità. Anche noi siamo dalla parte della legalità, sempre e comunque. Tanto è vero che da più di tre mesi stiamo sollecitando l’amministrazione a pubblicare il bando per riassegnare lo stabile di San Teodoro. Sforzo vano il nostro, perché del bando, al quale la Fondazione Campagna Amica risponderà, non vi è traccia e questo ritardo penalizzerà sia gli imprenditori agricoli, sia le migliaia di famiglie romane che ogni sabato e domenica, da quasi dieci anni, frequentano il mercato. Oggi i consumatori sono stati al nostro fianco, hanno manifestato insieme a noi, condiviso la protesta e firmato la nostra petizione. Auspichiamo un ripensamento da parte della sindaca Raggi e confidiamo nella concessione della proroga".

Al mercato del Circo Massimo, punta di diamante della rete di Campagna Amica, operano 60 aziende di Roma e di decine di comuni laziali. I consumatori trovano lì carne, insaccati, olio, latticini, prodotti da forno, pesce, frutta, verdure, ortaggi tutti rigorosamente Made in Lazio e offerti ai consumatori da chi li ha prodotti in un regime di filiera corta dove il rapporto di fiducia tra chi produce e chi acquista è diretto, immediato. Gli operatori hanno così sospeso le vendite, per evidenziare i disagio causato dal ritardo nella pubblicazione del bando comunale per l’assegnazione dell’area. Il caso si è consumato nella notte di venerdì.

Tags:
comunecirco massimoconsumatoriagricoltoribiologicom5sprotestaromacoldiretti
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

i più visti
i blog di affari
Bolivia, Putin si schiera con Morales.La Russia non sbaglia mai in geopolitica
di Diego Fusaro
Bookcity Milano/ Intervista a Maria Borio: “La poesia sta nella trasparenza”
di Ernesto Vergani
Biovalley Investments Partner (BIP). Aumento di capitale su CrowdFundMe

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.