A- A+
Roma
Roma, Michela Di Biase sindaco: moglie Franceschini studia da anti-Raggi

PD-M5S uniti nel Governo Conte e uniti anche alla Regione Lazio. Ma mentre Zingaretti cerca di convincere i grillini ad entrare nella Giunta, il resto del Pd scalda i muscoli al nuovo possibile candidato al Comune di Roma dove ogni giorno che passa, la Raggi è sempre più fragile. L'ultimo nome “lanciato” è quello della consigliera regionale Michela Di Biase, purtroppo per lei più famosa perché moglie del ministro Franceschini che per la sua attività politica.

L'ordine di “scuderia” è partito venerdì scorso: “Far salite a tutti i costi il nome di Michela”, indicando il suo nome anche per la sostituzione di Lorenza Bonaccorsi, “anche se poi a fare l'assessore non ci andrà mai, ma l'importante è che il nome giri”, è la voce che si è sparsa tra i ranghi un po' spaesati del partito romano, tutti concentrati a capire come comportarsi in aula Giulio Cesare col Movimento 5 Stelle, per due anni bersaglio di feroci critiche e ora alleato. La traduzione del “far girare il nome” ha poi avuto la sua ragione politica: c'è un pezzo de partito pronto a candidare Michela Di Biase a sindaco, sia in caso di scadenza anticipata del sindaco che elezioni a fine mandato. Dunque, il Pd scalda i muscoli e il sorriso della Di Biase, cancellando in un solo colpo le ipotesi circolate per mesi di un tris di presidenti di Municipio con cui dar vita alle primariucce per Roma e precisamente Giovanni Caudo, Sabrina Alfonsi e Amedeo Ciaccheri. Cambiato lo scenario, arriva Michela Di Biase.

Trentanove anni il prossimo 17 ottobre, segno zodiacale bilancia, dal 2009 impiegata Cotral e poi nel 2013 eletta per la prima volta in Consiglio Comunale, la sua notorietà è legata a tre vicende: il matrimonio con Dario Franceschini, la batteria di affettuosi sms lanciata dal marito in occasione delle ultime elezioni per darle qualche voto in più e le polemiche per la sua consulenza alle Relazioni Esterne della Fondazione Sorgente Group di Valter Mainetti, impegnato oltre che nell'immobiliare anche nell'arte e nella cultura.

Dopo essersi candidata alle regionali ed essere eletta, alla fine ha optato per la Regione Lazio e ha lasciato il posto da consigliere comunale. Il maligno che è sempre a lavoro ha sussurrato che la scelta sia stata dettata da motivi economici più che politici. In via della Pisana si guadagna molto di più che in Campidoglio. Ora qualcuno la vorrebbe sindaco di Roma.

Regione Lazio, Zingaretti bacia l'M5S. “Datemi due tecnici come assessori”

Commenti
    Tags:
    dario franceschinigoverno giallorossosindaco di romapd-m5smichela de biaseregione laziozingarettirimpasto regione laziofranceschini mogliefranceschini monicamoglie franceschinivirginia raggimichela di biase sindaco





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Operato al cuore, manca un pezzo del pacemaker. Roma, Umberto I da brivido

    Operato al cuore, manca un pezzo del pacemaker. Roma, Umberto I da brivido

    i più visti
    i blog di affari
    Se Dublino scende a patti, l'accordo Brexit è più vicino
    di Bepi Pezzulli
    In libreria "Business Etiquette" le regole del fair play nel mondo del lavoro
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Il Consiglio Atlantico possibile risolutore del conflitto Turchia-Curdi
    di Mario Angiolillo

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.