Si affloscia la "boba" di Andres D'Alessandro. Il cabezon torna in Argentina

Il ritratto della settimana: Affari ripropone la storia di Andres D'Alessandro e della sua Boba afflosciata

Fine della corsa: il sogno europeo di Andres D'Alessandro è tramontato. Il 26enne fantasista argentino ha preparato le valige, si è imbarcato sul primo volo ed è tornato a Buenos Aires. Sarà il nuovo rinforzo del San Lorenzo. Un acquisto di lusso per una squadra che naviga a metà del guado nel Torneo di Apertura lontana anni luce dal Lanus capoclassifica. Una meta di ripiego se pensiamo alle ambizioni che "El Cabezon" (il testone) nutriva a inizio carriera, quando i rumors di mercato lo accostavano ai top club europei (Milan compreso) e osservatori di tutto il mondo si accomodavano sugli spalti del Monumental per seguire le partite del suo River Plate. Il sogno di sfondare nel Vecchio Continente probabilmente ha iniziato a infrangersi con la prima scelta sbagliata: il Wolsburg. Il club tedesco, grazie all'aiuto della Volswagen, sborsò la cifra record di 7,5 milioni per strappare il 22enne D'Alessandro alla concorrenza.

VIDEO: LA BOBA E LE MAGIE DI ANDRES D'ALESSANDRO

Un colpo d'immagine (fine a se stesso) per i dirigenti teutonici, una sventura per un giocatore non ancora pienamente formato: iniziare la nuova vita calcistica in un club di medio-basso calibro del 'freddo' campionato tedesco non fu proprio il massimo per permettergli di esprimere il suo talento. Talvolta però ai soldi non si comanda e l'unica soddisfazione raccolta da Andres fu quella, puramente statistica, di aver siglato il gol numero 4mila dalla creazione della Bundesliga. Robetta. Da lì in poi è stato un pellegrinaggio sfortunato, a cavallo tra Inghilterra (Portsmouth) e Spagna (Real Saragozza): altro che Real, Milan o Juve. Senza mai un vero colpo d'orgoglio, un rendimento da grande giocatore, all'altezza delle attese. Con lui, si è afflosciata anche la sua famosa 'boba', la specialità della casa. Per quei due o tre che se ne fossero dimenticati (ci fu un diluvio mediatico tra il 2002 e il 2003 attorno a questa giocata), si tratta di quella finta che gli permetteva di saltare l'uomo, ai bei tempi, in Argentina e che mai è riuscita a ipnotizzare i duri marcatori europei. Ora D'Alessandro prova a rilanciarsi in patria, agli ordini di Ramon Diaz, attuale tecnico del San Lorenzo. E' l'uomo che lo lanciò ai tempi del River Plate e se non riesce lui a recuperarlo non ce la può fare davvero più nessuno. Il treno è partito e sta transistando velocemente all'ultima fermata: non ci sarà un'altra occasione di raggiungere l'empireo calcistico per 'Andres il testone'...

Giordano Brega


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Isola dei Famosi 2018, Francesco Monte ritorno clamoroso all'Isola dei Famosi? Canna-gate e Eva Henger... ISOLA CHOC

Isola dei Famosi 2018, Francesco Monte ritorno clamoroso all'Isola dei Famosi? Canna-gate e Eva Henger... ISOLA CHOC

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

In evidenza

Ascolti, Isola dei Famosi top Harry Potter batte Floris

I sondaggi di

Se domenica ci fossero nuove elezioni politiche, chi voteresti?

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it