X

Questo sito fa uso di cookie di analisi e di profilazione che comprendono indirizzo IP, identificativi univoci e dati di navigazione dell'utente per fornire una esperienza d'uso personalizzata.

Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina Cookie policy

Alitalia, Ita rischia di perdere anche il decollo autunnale. Bando in ritardo

Trattative per la parte aviation al palo. Rumors

Alitalia Lapresse
Economia
Condividi su:

Dopo aver perso il periodo estivo, particolarmente profittevole per il comparto aereo, nuovi ostacoli per il decollo di Ita. La società pubblica costituita per rilevare le attività del'ex compagnia di bandiera potrebbe perdere infatti anche la finesta autunnale: la partenza dei voli della nuova compagnia previsto per il 15 ottobre è a rischio rinvio.

A far slittare i tempi è il fatto che il bando di gara per mettere in vendita il marchio Alitalia e l'avvio della trattativa per la parte aviation sono in ritardo. Lo scrive il Messaggero, secondo cui il primo bando sarebbe dovuto arrivare entro Ferragosto, seguito subito dopo dal negoziato diretto per rilevare 52 aerei e circa 2.950 tra piloti e assistenti di volo. C'è ancora tempo per recuperare, a patto che i nuovi nodi vengano sciolti nelle prossime ore. 


L'amministratore delegato di Ita Fabio Lazzerini

I commissari straordinari, prosegue il quotidiano, non hanno ancora ricevuto la comfort letter della Ue che il 15 luglio ha dato il via libera all'operazione. Servirebbero poi indicazioni precise dal Ministero dello Sviluppo economico e dal Ministero dell'Economia su come procedere in questa particolare situazione; da qui lo stallo nella vendita degli asset.

A settembre poi si dovrebbe svolger l'incontro commissari-sindacati per iniziare l'esame congiunto della nuova cassa integrazione: si tratta della proroga di un altro anno di cassa per 7.086 dipendenti tra Alitalia Sai e Cityliner. Nel frattempo sono previsti tavoli tecnici per verificare se quei numeri sono compatibili con il piano di Ita.

Nel frattempo la newco Ita ha appena varato l'aumento di capitale da 700 milioni, mettendo in cassa la dotazione finanziaria necessaria a sostenere i prossimi passi, "un altro importante passaggio del processo che vedrà il decollo della nuova compagnia il prossimo 15 ottobre", aveva sottolineato il presidente Alfredo Altavilla. Termine che ora potrebbe slittare nuovamente.