I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Carlo Tognoli, addio al sindaco (di Milano) operaio e stacanovista. RITRATTO

L’avevo visto in un bar/enoteca di corso Genova alla fine di settembre dell’anno scoro con Franco d’Alfonso e Laura Specchio, per parlare di progetti culturali, di Milano, e di un’idea di socialismo che non riusciamo a dimenticare. Mi aveva parlato poi dall’ospedale  e del ricovero ma, che stava meglio. Ora che è scomparso vorrei evitare la deriva nostalgica e i tanti ricordi che riverberano in questi casi, perché Carlo Tognoli era ed è, l’immagine più luminosa di un’idea di politica riformista che ha permeato fino all’apocalisse di mani pulite, questa tormentata città.

Sindaco operaio, stakanovista, illuminato innovatore, spericolato nelle scelte ma fermo nelle decisioni e nei rapporti chiari con i miglioristi del PCI, ne hanno fatto un punto fermo nello sviluppo di Milano, come significativa immagine di una modernità che ancora permea la nostra  contemporaneità. Tutto quello in cui ha creduto, politicamente, è diventato il telaio urbano della città in cui viviamo, ma quanto era diversa la Milano di Tognoli, non ancora “da bere”, ma già lontana da Scerbanenco, tra terrorismi assortiti, lotte di classe e socialismo light.

Cantore della metropoli meneghina, e di quella identità, capace di coniugare l’anima popolare, operaia con le immense ricchezze di vecchia e recente formazione. Uomo politico puro, con una conoscenza capillare, direi militare, di quartieri, zone, associazioni, sezioni, e una memoria su luoghi, persone e militanti di inarrivabile precisione, che lo rendeva un punto di riferimento, e un profondo conoscitore della storia del socialismo in tutte le sue trasformazioni e della sua intersezione con la città. Con Tognoli scompare l’ultimo sindaco-politico, nel senso più alto, quel ragazzo  che aveva respirato l’aria  affumicata di sezioni, sedi di associazioni, federazioni varie, quelle riunioni infinite, che erano la naturale palestra/gavetta per quanti volevano praticare la nobile arte della Politica. Senza voler criticare nessun altro, venuto dopo.

Commenti
    Tags:
    carlo tognolimorte carlo tognolicarlo tognoli sindacocarlo tognoli milano
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.