I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Halle Berry rompe l'ultimo tabù. E spiazza i moralisti del "boschetto"

L’argomento è diventato scivoloso, un piano inclinato verso una volgarità non voluta...


Il boschetto.

Finalmente abbiamo sdoganato anche l’ultimo tabù, anche se l’attrice non è un carattere, un metodo ma soprattutto un esempio, siamo liberi di mostrarci, di esibire, di provocare oppure la finta liberazione sessuale ci ha costretti ad un’autocensura di ritorno?

Quale è il limite della decenza, del pudore, dell’ostentazione dei corpi?

La nostra epoca ci ha relegati a convivere tra l’esposizione sistematica di sessi, di organi nella bellezza e nella bruttezza, fino al limite, fin dall’”Origine del mondo” di Courbet, e probabilmente non riusciamo a guardare alcuni punti del corpo con quel distacco che la maturità dovrebbe produrre.

Cosa ci ha fatto vedere esattamente Halle Berry? Un boschetto che copre la parte più intima, segreta di una donna o soltanto ha manifestato un’esuberanza corporale espressione di una libertà non consentita, come di fatto anche questo passaggio sul Red Carpet ha una valenza femminista.

L’argomento è diventato scivoloso, un piano inclinato verso una volgarità non voluta, un’oppressione del corpo fuori luogo e molto indietro nel tempo, perché Halle ci ha fatto vedere qualcosa che liberamente voleva farci vedere (non si dica che è stato un incidente), e dall’espressione sorridente non c’era nessuna malizia, soltanto una naturalità fisica che non riusciamo più  ad analizzare con distacco.

”Mala tempora currunt” se gli esseri umani non riescono neppure ad apprezzare bellezza o bruttezza fisica, estetica, antropologica o ad esprimere una “Critica del Giudizio”, con buona pace di Kant, e noi spettatori involontari (voyeur?) come ci siamo ridotti se il boschetto, ”quel boschetto” dopo secoli di emancipazione maschile e/o femminile continua a farci paura.

Il politicamente corretto ci ha resi più eleganti ma sicuramente meno liberi perché eliminare le pulsioni, innocenti o pericolose, finisce per inibire ogni parvenza di desiderio.



 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
il boschetto





in evidenza
Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"

Guarda il video

Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Nuova DACIA Sandero Streetway Journey: eleganza e tecnologia urbana

Nuova DACIA Sandero Streetway Journey: eleganza e tecnologia urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.