I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Nicola Porro e quel giornalismo che punta all’audience senza approfondimento

Ha cinquantuno anni, non ha preso master ad Harvard e alla Bocconi, e nessun premio giornalistico(ci tiene a dichiararlo), ma si piace come pochi e lo dimostrano foto, ammiccamenti da gatto sornione e biografia non troppo esagerata ma sempre ligia all’agiografia.

 La macchina senza targa, una Peugeot 205 dove riceve una telefonata da Giuliano Ferrara( e te pareva) e poi tutto in pendenza tra trasmissioni, giornali, dibattitti. Nicola Porro probabilmente non è molto amato per la sua apparente sfrontatezza e perché ha un appel nazional-popolare che conquista le corde più recondite dello ”spettatore comune”.

La sua Zuppa(o pan bagnato) è seguita ma non seguitissima, i suoi programmi pure, per quel suo dire e non dire, per lasciare sempre aperta un’altra possibilità, come nello spirito del talkismo imperante che lui ha traslato al suo punto più evanescente: leggermente frizzante come la Ferrarelle

Non fa il filosofo come Del Debbio o l’imbonitore come Giordano ma dice le stesse cose, sempre col sorriso sulle labbra, e lo spettatore abbocca ,e lui lo sa perfettamente quale è il potere mediatico di tramettere tutto e il suo contrario con la stessa ineffabilità.

É il vincente istantaneo che deve comunicare la verità alla piccola parte di popolo che lo segue.Tutto qui.

Parla ovviamente di tutto, e su tutto, invita tutti quelli che possono fare audience e passeggia elegante negli studi, parlando a se stesso senza attendere le risposte. Risposte? e a che servono? La star è lui, non il piddino sconosciuto  di turno o Renzi o Malena o chicchessia, Porro si gode lo spettacolo a prescindere dagli interlocutori che sono sempre più simili a cartonati montati a caso davanti alla telecamera.

Certo che ne è passato di tempo dalle tribune politiche in bianco e nero ma, in questo caso è difficile trovare un programma di varietà, perché di questo si tratta, più aderente alla realtà contemporanea che è disinteressata a qualsiasi  approfondimento, e non può e vuole manifestare alcun tipo di dubbio: sul covid, sul Recovery, sulle banche e sulla politica surreale e surrealista che trova in questi paladini telegenici, i suoi massimi  e inconsapevoli (Giletti compreso) cantori.

Si definisce libertario oltre che liberista e liberale, ma questo lo dicono tutti, e poi non c’è bisogno della patente del “Giornale” per capire quale area è più ghiotta per il nostro “Bravo Presentatore”, il terreno di caccia è più ampio e i cacciatori si riducono a poche unità, dunque il successo, di parte, è assicurato e le garanzie su un futuro radioso è garantito.

Sono tutti figli ,più o meno, di Feltri, anche se ambiscono a diventare dei piccoli Montanelli, e si sa nel nostro paese basta avere una buona parlantina e sorvolare sul senso della verità per occupare uno spazio solido nel panorama dello “psico-giornalismo” quotidiano.

Anche analizzarli criticamente questi personaggi del nuovo bestiario italiano(di successo)non è facile perché sono sempre attenti a galleggiare nella prevedibilità, nell’opinione condivisa dai più  e nella neo-retorica della neo-lingua e Orwell mi perdoni se faccio queste similitudini, ma quello che sconcerta è l’invulnerabilità di queste forme di comunicazione che scimmiottando la politica, restituiscono agli ignari consumatori nuove forme di intrattenimento stile  Studio Uno e simili.

Per questo è difficile contrastarli sul loro territorio protetto perché Nicola fa parlare solo quelli che gli daranno sempre ragione perché appartengono alla stessa scuderia televisiva, alla stessa compagnia di giro, e dunque tra sodali è difficile avere o vedere un dibattito reale, troppo complicato per Porro e co.

 La zuppa è pronta e l’audience è salva, il dibattito vero prima o poi arriverà, dopo queste nuove forme di wrestling(dove si combatte per scherzo)perché adesso c’è la pubblicità.

 

 

 

Commenti
    Tags:
    nicola porrozuppa di porronicola porro giornalistamaurizio de caro
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Nulla di cinese è mai durato... Ma ora si battono tutti i record

    Covid vissuto con ironia

    Nulla di cinese è mai durato...
    Ma ora si battono tutti i record

    i più visti
    in vetrina
    Giulia De Lellis senza trucco: "Accettarsi? È lunga, ma ce l'ho fatta". VIDEO

    Giulia De Lellis senza trucco: "Accettarsi? È lunga, ma ce l'ho fatta". VIDEO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Toyota apre il pre-booking di Nuova Yaris Cross Hybrid

    Toyota apre il pre-booking di Nuova Yaris Cross Hybrid


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.