A- A+
Coronavirus
Vaccino, l'algoritmo calcola il turno: così i soggetti sani lo faranno nel '22
A, Amorosi

Quando verremo chiamati a fare il vaccino anti Covid?

Quando verremo chiamati a fare il vaccino anti Covid? Se avete intenzione di vaccinarvi il sito Omni Calculator prova a trovare quando verrete chiamati (clicca qui), valutando le previsioni di approvvigionamento e il piano strategico vaccinale.

Basta inserire la propria età, le proprie caratteristiche socio-anagrafiche, se si appartiene ad una categoria protetta o di tipo lavorativa agevolata (operatori sanitari, ospiti o lavoratori di Rsa, personale scolastico e universitario, ecc…), tutto restando ovviamente anonimi, e il gioco è fatto. O almeno così sembra. Un algoritmo stima i tempi di vaccinazione degli italiani sulla base di due fattori essenziali: la velocità di somministrazione delle dosi prevista dal governo e il tasso di copertura finale della popolazione. Basandosi su uno studio della rivista Nature: stima che in Italia di media “il 70.79% della popolazione accetterà di farsi vaccinare”.

 

In più il calcolo delle dosi previste per i prossimi mesi suppone un’accelerazione, ipotizzata nel giro di alcune settimane, che dovrebbe dare un giro di vite alla velocità di somministrazione attuale.

Abbiamo provato inserendo i dati di un 51enne in perfetta salute e non appartenente ad alcuna categoria protetta o agevolata e la coda per il vaccino è stata tra i 20.515.366 e i 33.955.778 di persone a precederlo. Il nostro soggetto riceverà il vaccino “tra 10/11/2021 e 21/4/2022”, la seconda dose tra l’1/12/2021 e il 12/5/2022.

Tutto molto interessante e in linea con l’idea globale che la soluzione unica per uscire dal Covid, con l’immunità di gregge, siano i vaccini. Va tenuto però anche conto che se pure col passare dei mesi verranno resi disponibili sempre nuovi vaccini il dato sulla velocità delle somministrazioni non tiene conto del sistema Italia e delle difficoltà di approvvigionamento tutt’ora in corso. In più, visto che la tendenza a farsi vaccinare è proporzionale a quanto ci si fida delle istituzioni, va considerata la crescente insofferenza degli italiani verso costoro. Si vaccina con maggiore facilità chi si fida delle informazioni provenienti da fonti governative, scrive in una ricerca Nature.“Le differenze nei tassi di accettazione variavano”, spiega ad ottobre la rivista britannica, “da quasi il 90% (in Cina) a meno del 55% (in Russia). Gli intervistati che hanno segnalato livelli più elevati di fiducia nelle informazioni provenienti da fonti governative erano più propensi ad accettare un vaccino e a seguire il consiglio del datore di lavoro in tal senso”.

Intanto l’andamento della distribuzione dei vaccini in Europa resta lento. E sono imparagonabili il tasso di vaccinazione di Israele (oltre il 90% della popolazione) e degli Emirati Arabi (il 62%) con quello del resto del mondo (l’Italia è all’8% della somministrazione). Molto dipenderà dalla capacità di coordinamento dei Paesi con le case farmaceutiche e dalla loro capacità di produzione e distribuzione.

“Nonostante al momento siano ancora in produzione”, scrive Omni Calculator, “l'Italia ha ordinato oltre 202 milioni di dosi di vaccino, sufficienti a coprire la popolazione intera”.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato che entro l'estate potranno vaccinarsi tutti gli italiani che lo vorranno ma anche l’algoritmo del calcolatore, nel suo ottimismo, dice che non andrà così.

 

Commenti
    Tags:
    vaccino covidvaccinovaccino covid quando saremo chiamaticalcolatore stima il proprio turno vaccino
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.