A- A+
Costume
Gq e Gucci insieme per i cortometraggi "The performers"
GQ e Gucci hanno annunciato la seconda edizione della serie di film in cinque parti: “The Performers,” curata da Dylan Jones, direttore dell’edizione britannica di GQ. Nel 2017, GQ e Gucci hanno debuttato con "The Performers", documentando il pellegrinaggio di cinque personaggi influenti in luoghi inattesi che hanno influenzato la loro vita interiore e la loro visione del mondo. La collaborazione creativa è stata rinnovata nel 2018 per altri cinque episodi, che continueranno a esplorare le influenze e l'ispirazione che stanno dietro ad alcune tra le figure creative più originali del mondo.
 
Dylan Jones, direttore dell’edizione britannica di GQ e produttore esecutivo della serie, commenta "La prosecuzione di questa nostra collaborazione ci offre la meravigliosa opportunità di presentare ‘The Performers’, talenti rilevanti dal punto di vista culturale che ci offrono ispirazione, dei veri marcatori di gusto, classe e creatività. Quello di Michael Clark, che offre un saggio della sua fervente creatività, è un debutto appropriato per Act VI".
 
Act VI, segna il ritorno della serie "The Performers" con la partecipazione dell’irriverente ballerino e coreografo scozzese, Michael Clark, che si esibisce in una serie di sfrontate e coinvolgenti performance nei love hotel di Tokyo. Clark, che ha iniziato a ballare all'età di quattro anni, ha studiato per diventare ballerino professionista alla Royal Ballet School. Nel descrivere la sua esperienza, ricorda: "Non riuscivo a integrarmi. Non tanto per l’etica del lavoro, ma perché, beh, eravamo alla fine degli anni settanta, ed era esploso il movimento punk. Ero attratto alla sua energia, dal suo completo caos".
 
In linea con la sua visione personale, Clark fonda la sua compagnia di danza, la Michael Clark company, lavorando con alcuni dei più eccezionali outsider post punk britannici, dal performance artist Leigh Bowery a Mark E Smith di The Fall.
 
Clark ritorna in Giappone in occasione di questo viaggio, documentato dal regista Johnny Hardstaff, dopo aver stabilito un forte legame con il paese durante il tour del 1980 in compagnia della madre e di Bowery. "Penso che il Giappone mi abbia scoperto prima che io scoprissi me stesso. Hanno preso il mio lavoro molto sul serio e per me questo ha avuto un significato importante", sostiene. "È commovente ritornarci". Attraverso la sua estetica anti-establishment, Clark impersona Bowie in una rappresentazione trasgressiva e variopinta, in cui lo styling è curato dal fashion director dell’edizione britannica di GQ, Luke Day.
 
Altri episodi usciranno nel corso del 2018.
Tags:
gqguccithe performers
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.