A- A+
Costume
Il nuovo libro di Marcello Foa: “Il Sistema (in)visibile" che ci controlla

La recensione del libro di Marcello Foa, "Il Sistema (in)visibile. Perchè non siamo più padroni del nostro destino"

Molto interessante il nuovo libro di Marcello Foa, “Il Sistema (in)visibile. Perché non siamo più padroni del nostro destino” (Guerini e Associati) che fa seguito a “Gli stregoni della notizia”, pubblicato in due volumi.

Foa, giornalista professionista, già Presidente della Rai e firma storica de Il Giornale prova a tornare su un tema complesso, tuttavia cruciale per capire cosa si muove dietro le quinte della nostra società.

L’informazione è plasmata dal potere e a sua volta plasma il potere, in un gioco infinito di rimandi

Si può fare informazione attivamente, riportando ad esempio una notizia, ma la si può fare anche per “omissione” non riportandola interamente e quindi consegnando alla costruzione della realtà un taglio specifico, una inquadratura particolare, quella che il “burattinaio” vuole mostrare.

Il nuovo libro riprende dei temi dei primi, approfondendoli e arricchendoli dei nuovi fatti avvenuti. L’opera è divisa in dieci capitoli che affrontano ciascuno un tema della società moderna a partire dalla globalizzazione e i suoi effetti in politica, economia e sulla costruzione di élite.

Nella parte centrale del saggio si descrivono le tecniche di orientamento della società: psicologiche, sociologiche, mediatiche e culturali. La parte finale ci conduce al mondo d’oggi, dunque a Internet e alla realtà digitale.

Cosa è successo all’Occidente dopo la Caduta del Muro di Berlino?

Il modello capitalista ha indubbiamente vinto la sua battaglia contro il comunismo ma da allora qualcosa è cambiato. Il big Tech, dice Foa, ha preso il sopravvento e così il Potere, quello vero, è in mano alle grandi aziende americane che possiedono da sole quantità impressionanti di Pil mondiale.

Ad esempio, Microsoft ed Amazon possiedono da sole quasi tutta la rete Cloud mondiale e se volessero potrebbero semplicemente “spegnerla” facendo perdere istantaneamente la memoria collettiva all’intero mondo.

E questo alla faccia dell’elementare regola del capitalismo di evitare i monopoli ma anche gli oligopoli. Internet è controllata interamente da Google, mentre Zuckerberg, il padrone di Facebook ed Instagram, ha lanciato il Metaverso, la nuova Realtà virtuale.

Insomma, il potere delle aziende Usa, dice Foa, è diventato totale e utilizza la Rete per propagandare il proprio credo fatto di Cancel Culture, ideologia Woke, ideologia LGBT. Si tratta del temuto Deep State che ha tessuto la sua ragnatela ovunque e che minaccia le libertà fondamentali dell’individuo e il concetto stesso di democrazia.

Ormai la Rete è dominata da pochi colossi che controllano tutto e dietro seguono ad anni luce di distanza le Piccole e Medie Imprese, che non possono che accodarsi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
librorecensione





in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.