A- A+
Costume
Gli italiani e il matrimonio? Ci vanno coi piedi di piombo...

Uno studio sul matrimonio svolto da kijiji.it - in collaborazione con UnaDonna e wdonna.it  - mostra quali sono le differenze nelle tradizioni tra Italia e Inghilterra.

Gli italiani, per esempio, sono più prudenti: il 77% di loro pronuncia le due paroline magiche “Ti Amo” dopo meno di 6 mesi dalla prima uscita, a dispetto del 93% degli inglesi.

Il 51% dei fidanzamenti dura più di cinque anni, al contrario degli uomini inglesi che dopo solo un anno e mezzo chiedono la mano della propria donna (40%).

Gli inglesi sono più sbrigativi anche ad organizzare il proprio matrimonio, il 47% di loro impiega solo poche ore per scegliere la chiesa, il ristorante, le bomboniere e creare gli inviti. Sarà che gli italiani sono più attenti ai dettagli ma  più della metà afferma di averci impiegato dai sei mesi ad un anno...

E non è finita: dal catering al viaggio di nozze... scopri nella gallery quali sono tutte le usanze e le abitudini degli italiani in tema di matrimonio.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matrimonionozzeitaliani
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.