A- A+
Cronache

di Pietro Mancini

Un minuto di silenzio, durante Italia-Uruguay, in Brasile, e il lutto al braccio degli azzurri, per ricordare Ciro Esposito, il giovane tifoso del Napoli, morto, in seguito alle gravi ferite, riportate negli scontri con alcuni ultras della Roma, nei pressi dello Stadio Olimpico, prima della finale di Coppa Italia, poi vinta, nettamente, dal club campano sulla Fiorentina.
Ma il mondo del calcio, e anche il premier, Matteino Renzi, che quella tragica sera era presente in tribuna, dovrebbero impegnarsi ad accertare le responsabilità di chi non riuscì a garantire la sicurezza per gli spettatori dell'evento sportivo.

E' normale che il ministro dell'Interno, don Angelino Alfano, non abbia, sinora, cacciato il prefetto e il questore di Roma, che gestirono, nel modo peggiore, il pre-partita e il post-partita ? L'anno scorso, invece, tutto filò liscio, in occasione della finale Roma-Lazio, le cui tifoserie sono divise da una rivalità ben più accesa di quella esistente tra i fans del Napoli e della squadra di Firenze.
E non sia rituale l'impegno della Federcalcio, della Lega e delle società a rompere, finalmente, ogni rapporto con i settori più violenti delle tifoserie.

Quella tragica serata di maggio la ricorderemo, certo, per lo scontro a fuoco, che è costato la vita a Ciro Esposito. Ma, soprattutto, per l'impotenza delle autorità, allibite e silenti, mentre il capitano del Napoli, Marek Hamsik, si recava in Curva Sud, per postulare al Capo tifoso, don "Genny 'a carogna", l'assicurazione che i fans non avrebbero ostacolato il regolare svolgimento della finale.
Quella inquietante preghiera di Hamsik e del questore di Roma al Capo degli ultras azzurri, trasmessa in eurovisione, ha diffuso un'immagine negativa del Paese. E non solo del nostro sport più popolare, dove ballano i miliardi, ma contano ancora personaggi inquietanti come "Genny 'a carogna" e il capotifoso della Roma, inquisito per l'uccisione di Ciro e in passato responsabile di violenze, dentro e fuori gli stadi.

Tags:
ciro espositocalcioquestore romagenny a carogna
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.