A- A+
Cronache

 

prostitute 01

Robertus, 52 anni, direttore di una società con sede a Londra aveva promesso nel luglio 2011 un assegno di  1.000.000  euro a Diana, la donna che voleva sposare. Soldi che sarebbero dovuti servire per il matrimonio e come "garanzia"  per evitare di fare un contratto pre-matrimoniale.

Follemente innamorato, l'uomo andava a trovare la futura moglie regolarmente. In particolare le ha offerto un anello di fidanzamento da 70mila euro e ha finanziato i suoi studi di marketing. Ha anche organizzato un concerto-festa privata con i Black Eyed Peas, su un'isola al largo della costa di Cannes. Purtroppo però l'imprenditore una sera è andato in un locale notturno e ha scoperto  la verita sulla sua bella  donna. Che lavorava in un night club non proprio casto. A quel punto ha subito interrotto la relazione, chiedendo indietro i gioielli.

A questo punto  la donna ha chiesto ugualmente i soldi che le erano stati promessi e si è rivolta al giudice. Che le ha dato ragione, spiegando che alla corte non interessa il perchè di quel pagamento, ma il fatto che quella somma era stata regolarmente pattuita tra i due. E così l'uomo si è ritrovato, come si dice in questi casi, cornuto e mazziato

Tags:
condannatapagareprostituta
in evidenza
Il direttore Perrino su Isoradio Affari commenta le elezioni 2022

Ospite de "Il sorpasso" di Monica Setta

Il direttore Perrino su Isoradio
Affari commenta le elezioni 2022


in vetrina
SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain

SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain





motori
Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.