A- A+
Cronache
I panni sporchi della sinistra Pinotti Santachiara

I PANNI SPORCHI DELLA SINISTRA: LA RECENSIONE DI AFFARI CON INTERVISTA A STEFANO SANTACHIARA

C’era una volta una sinistra seria. Inattaccabile. Affidabile. “Comunista, ma perbene.” Il paradigma è saltato ed è ora di guardare in faccia la realtà per quella che è veramente. Anche la sinistra ruba, inquina, specula, anche la sinistra fa affari sporchi e attacca la magistratura. Banche, sanità, cooperative, fondazioni, amministrazioni locali e regionali: scandali e inchieste hanno travolto la classe dirigente che avrebbe dovuto trasformare l’Italia in un paese “normale”, persino roccaforti rosse come l’Emilia sono crollate, investite da accuse di connivenza con mafia e ’ndrangheta. Al posto dell’ideologia il denaro, l’interesse individuale, il puro potere. Ecco gli scandali del Monte dei Paschi, la scalata alla Bnl, la Bicamerale, la legge del comunista Sposetti che ha arricchito i partiti, la metamorfosi di Violante, i soldi dell’Ilva, le accuse di tangenti a Penati, le convergenze con la destra in materia di giustizia... Non serve vincere le elezioni se la gestione del potere e le ricette economiche rimangono uguali a quelle degli avversari berlusconiani. Fatti, non solo parole, dal Nord al Sud, città per città, regione per regione. Il quadro è inquietante, più che sufficiente a fotografare una malattia per la quale non sembra esserci una terapia efficace. E che come un virus inarrestabile non risparmia nemmeno il nostro capo dello Stato, ultimo difensore di questo sistema, del quale qui si svela per la prima volta la complessa storia politica, ricca di retroscena inediti.

Ferruccio Pinotti è autore di molti libri-inchiesta che hanno smascherato le trame e gli interessi dei poteri forti. Lavora al “Corriere della Sera” e ha scritto per “MicroMega”, “l’Espresso”, “Il Sole 24 Ore”, “la Repubblica”, “Il Fatto Quotidiano”. Tra i suoi libri più importanti vanno ricordati POTERI FORTI (Bur 2005), OPUS DEI SEGRETA (Bur 2006), FRATELLI D’ITALIA (Bur 2007), COLLETTI SPORCHI (Con Luca Tescaroli, Bur 2008), L’UNTO DEL SIGNORE (con Udo Gümpel, Bur 2009), FINANZA CATTOLICA (Ponte alle Grazie 2011), VATICANO MASSONE (con Giacomo Galeazzi, Piemme, 2013). Con Chiarelettere ha pubblicato LA LOBBY DI DIO (2010) e WOJTYLA SEGRETO (con Giacomo Galeazzi, 2011).

Stefano Santachiara, giornalista d’inchiesta, dal 2009 è corrispondente de “il Fatto Quotidiano”, dalle cui colonne ha svelato il primo caso accertato di rapporti tra ’ndrangheta e Pd al Nord, nel comune appenninico di Serramazzoni, una vicenda poi ripresa da REPORT.

di Giacomo Bracci

Il numero del Venerdì di Repubblica, uscito il giorno 13 dicembre 2013, contiene un’interessante inchiesta su un lato poco conosciuto del nostro Presidente della Repubblica: pare che Napolitano fosse sotto osservazione dell’intelligence britannica tra gli anni ’70 ed ’80, in quanto “volto sorridente” e moderno del Partito Comunista Italiano. L’articolo, pubblicizzato sulla copertina del periodico, contiene anche una serie di rivelazioni relative alle attività di spionaggio dei servizi inglesi su esponenti della sinistra dell’epoca, come Pajetta e Cicchitto.

Il timing dell’articolo è curioso, dal momento che esce poco tempo dopo un coraggioso libro scritto dai giornalisti Ferruccio Pinotti e Stefano Santachiara, dal titolo I panni sporchi della sinistra ed edito da Chiarelettere. Nei vari capitoli del libro, molti degli attuali protagonisti del Partito Democratico vengono studiati e ne vengono tracciati i rapporti con lobby e centri di potere nazionali ed internazionali. Un ampio spazio è dato proprio alla biografia di Giorgio Napolitano, e in particolar modo ai suoi rapporti con Silvio Berlusconi, i servizi segreti americani e la massoneria. I documenti proposti dagli autori, di matrice americana, ci parlano di un Napolitano garante dei poteri atlantici che attraverso la sua corrente “migliorista” contribuisce alla mutazione genetica del PCI in un partito organico ai poteri sovranazionali. Tuttavia, nell’articolo del Venerdì il libro di Pinotti e Santachiara non viene minimamente citato.

Si tratta di una semplice coincidenza? Eppure è altamente improbabile che I panni sporchi della sinistra, con la sua nuova chiave di lettura su Napolitano, sia sfuggito ai segugi di Repubblica: oltre a numerose recensioni apparse su carta e sul web, anche una testata online come Micromega, appartenente allo stesso gruppo editoriale del Venerdì, ne ha pubblicato un estratto il giorno 4 dicembre.

Cerchiamo di comprendere questo strano caso che potremmo definire di “inchiesta parallela”, dal momento che mentre i due scrittori impiegano fonti americane per documentare l’interesse dei poteri atlantici verso Napolitano, i giornalisti del periodico di Repubblica utilizzano fonti britanniche.

Alcuni elementi dell’articolo del Venerdì sono poi illuminanti al riguardo. Le fonti dei servizi britannici dipingono infatti Napolitano come un innovatore; un moderato che con la sua capacità di intrattenere rapporti con una pluralità di poteri esteri ha permesso al PCI di dismettere i panni dell’antiquato e temuto movimento di massa, per trasformarsi in un partito moderno e capace di governare i processi politici dell’Italia. L’immagine di Napolitano che emerge dalla lettura del libro di Pinotti e Santachiara è totalmente diversa. I viaggi di Napolitano negli Stati Uniti durante il rapimento di Aldo Moro; le dichiarazioni e i documenti che testimoniano legami pericolosi con i servizi segreti e i falchi americani come Brzezinski e Kissinger; le convergenze con Silvio Berlusconi ci parlano di un politico con la precisa missione di garantire e consolidare i poteri atlantici, piuttosto che un visionario riformatore. La lettura comparata dei due contributi fa sorgere immediatamente una domanda. Perché la redazione di Repubblica omette di citare una fonte così cruciale nell’analisi dei rapporti fra Napolitano e i poteri esteri? Il sospetto è che l’operazione del Venerdì serva a nascondere al grande pubblico la natura innovativa e “scomoda” delle tesi di Pinotti e Santachiara, che risulterebbero già note e già sentite a chi si troverebbe a scoprirne l’esistenza dopo la lettura dei contributi del periodico.

Ma si tratta, al contrario, di due analisi che giungono a risultati totalmente diversi, ed è perciò importante che le tesi di Pinotti e Santachiara siano portate alla luce senza essere oscurate o annacquate.

(Tratto da Airesis)

 

Tags:
venerdìconvergenze
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.