A- A+
Cronache
Etna: scoperti meccanismi pericolose eruzioni ai lati dell’Etna. Allarme Etna

Etna, allarme eruzioni ai fianchi del vulcano

 

Vulcani: Ingv, scoperti meccanismi pericolose eruzioni a lati Etna. Individuati alcuni meccanismi comuni che innescano e condizionano le dinamiche dell’instabilità di fianco, persistente e continua, presenti su parecchi edifici vulcanici, mettendo a confronto vulcani diversi - tra cui l'Etna - in termini di dimensione, attività eruttiva e contesto geodinamico regionale. Sono i risultati dello studio, a firma Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), United States Geological Survey (USGS), IPGP francese, pubblicato su Journal of Volcanology and Geothermal Research. 

La dinamica dei fianchi degli edifici vulcanici rappresenta un importante elemento di pericolosità, perché' oltre a condizionare la propagazione di fratture che non solo possono generare terremoti e dissesti fino ai versanti più bassi ma alimentare pericolose eruzioni laterali (come se ne osservano frequentemente all'Etna), l’instabilità può evolvere a tal punto da generare un vero e proprio collasso laterale dell'edificio, uno degli eventi vulcanici e naturali in genere più distruttivi e pericolosi. 

 

Vulcani, allarme Etna: scoperti meccanismi pericolose eruzioni a lati Etna


"Questo lavoro - afferma Alessandro Bonforte, ricercatore dell'Ingv- Sezione di Catania - analizza, tramite uno studio comparato su tre vulcani tra i meglio studiati al mondo, Kīlauea  (Hawaii), Piton de la Fournaise (La Re'union), Etna (Italia), le dinamiche dell’instabilità di fianco persistente e continua che si osserva su parecchi edifici vulcanici". Lo scopo è individuare i meccanismi comuni che innescano e condizionano questa dinamica, mettendo a confronto vulcani molto diversi in termini di dimensione, attività eruttiva e contesto geodinamico regionale. 

 

Allarme Etna: Etna pericoloso come i vulcani delle Hawaii

 

"I tre vulcani analizzati sono molto attivi - prosegue Bonforte - e presentano tutti un'evoluzione complessa, caratterizzata per lo più dallo spostamento nel tempo del centro eruttivo. Nonostante ciò, sono molto diversi tra loro, sia in termini di dimensioni e volumi sia per contesto geodinamico. Riguardo a quest'ultimo aspetto, l'Etna rappresenta l'elemento più complesso, essendosi sviluppato in un contesto dinamico di collisione attiva tra Africa ed Europa, al margine tra crosta continentale e oceanica, rispetto a un semplice edificio che si accresce indisturbato su un substrato stabile e che si deforma solo sotto il proprio stesso peso". 

Tutte le informazioni disponibili, dai dati bibliografici a quelli geologici e geofisici, sono state correlate alle misurazioni, grazie alle reti di monitoraggio, delle diverse velocità di movimento di fianco. "Per la prima volta sono state messe a confronto dinamiche relative a vulcani differenti, seppur caratterizzati da instabilità di fianco persistente, cercando di quantificare e parametrizzare i fenomeni osservati e misurati. Un primo approccio di analisi comparata per comprendere gli elementi scatenanti dei fenomeni di instabilità e i processi che ne possono condizionare la possibile evoluzione verso un fenomeno stabile e lento o verso un collasso repentino e violento", conclude il ricercatore. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
allarme etnaetnavulcani
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali





casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.